Notion calendar per gestire impegni e tasks


Il 17 gennaio Notion ha rilasciato l’app
Notion calendar

Siccome - come ho detto in altri post - gestisco il mio Second brain con Notion, mi è sembrato opportuno scaricare Notion calendar e provarlo.


La prova mi ha convinto e, ora, gestisco impegni e tasks da questa app.

Per farlo, non ho abbandonato Google Calendar, ma ho dovuto trasferire i tasks da Google Task a Todoist (con cui li ho gestiti fino a luglio 2023), in quanto, al momento in cui scrivo, Notion calendar non riesce a visualizzare i contenuti di Google Tasks.


In breve, con Notion calendar posso avere un unico luogo in cui visualizzare sia gli impegni che memorizzo in tutti i calendari di Google (anche quelli condivisi), sia i tasks che inserisco in Todoist, sia le schede che compilo su Notion.

Una visione d’insieme che si traduce anche in un notevole risparmio di tempo.


Ma non è finita qui: con Notion calendar posso inserire negli impegni e nei tasks tutto il materiale che creo con Notion, in modo da avere sott’occhio i collegamenti alle schede relative a quell’impegno o attività.

Inoltre, posso lanciare una ricerca contemporaneamente tra gli impegni di Google calendar e le attività di Todoist*.

Ben fatto, infine, il widget per iPad (al momento non è ancora stata rilasciata l’app per Android).


Infine, i promemoria senza una data li memorizzo in Google Keep, così da poter usare le funzionalità di tale app.



Due parole finali su Todoist

  • ho diviso le attività in Sezioni (quella relativa ai tasks generici; quella dei tasks con sotto-attività; e quella relativa ai documenti);
  • uso i Tag come fossero delle liste (in stile Google Tasks). 


____________

* Ignoro il motivo per il quale il campo-ricerca di Google calendar non tiene in considerazione le attività registrate in Google Task, mentre ricerca in quelle di Todoist.

Commenti

Post più visti del mese

Marco Lorenzi

Uguale non vuol dire Identico | Si è uguali se si è unici

Quando i dati discriminano