Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Aprile, 2017

Ecco perché ti piaccio

Ti piace il maschio
che ti apre, ti abusa,
ti rompe. Ti piace
il maschio che te lo mette
e ci resta finché 
ne ha voglia.

Ti piace il maschio
che ti maltratta e
ti coccola subito dopo.

Ecco perché ti piaccio.
________________
Leggi tutto il Romanzetto

Il selfie di aprile

Non so perché, ma questo mese ho fatto pochi selfie. La scelta di quello da postare qui, quindi, rispetto a quando ne faccio molti, è stata più semplice, anche perché, in sostanza, si è concentrata su due sole foto nelle quali mi piace come sono venuto. Ecco quella che ho scelto come “selfie del mese”. Gli altri li puoi vedere direttamente su Instagram @daniloruocco
Guarda il selfie di marzo.

Strafottente | #ruoccolive #selfie Un post condiviso da Danilo Ruocco (@daniloruocco) in data: 13 Apr 2017 alle ore 06:52 PDT

Libri in piazza

Interviste, cronache e opinioni relative a manifestazioni pensate per la promozione del libro e degli autori e qualche spunto di riflessione sull'editoria in generale.

Salone del Libro di Torino

Edizione 2009 Dal video al libro: intervista a Costantino Margiotta di Zero91L'Editoria del Futuro: intervista a Marco Croella di SimplicissimusL'Altra editoria: intervista a Fabio Bezzi di Alfaudio Book e a Flavia Gentili di Emons AudiolibriQuasimodo e l'Odissea: intervista a Pasquale Giannoni di ARS Edizioni d'ArteLa Fondazione Benetton: intervista a Francesca Ghersetti
Edizione 2010 Memoria e India: intervista e Rocco Moliterni e Samantha SpagnuloLa Sindone al Salone del Libro di Torino
Edizione 2011 L'Editoria GLBT al Salone del Libro di Torino: intervista a Francesca Polo di Il dito e la lunaIndignazione e protesta al Salone del Libro di Torino: intervista a Stefano Delprete di add editore10000 e-book in italiano: intervista a Letizia Sechi di Book republicEsordienti al S…

Tenete aggiornati i vostri siti di news

L’attualità è il tema principale di molti siti, giornalistici o meno. Il racconto del fatto di cronaca viene messo online spesso pochi minuti dopo il suo essersi svolto. E - in molti casi - la notizia viene seguita solo se porta click, ovvero se di stretto interesse. Poi - generalmente - si tralascia di seguirne gli sviluppi. Ci si dimentica del fatto; ma ciò che è stato pubblicato sull’onda dell’interesse e dell’emozione resta online.  Resta disponibile fino a quando non lo si cancella. Ciò fa sì che molti fatti vivono una vita tronca. In molti casi, poi, ciò che era stato correttamente notiziato, a distanza di tempo, se non si è costantemente aggiornato, è diventato addirittura falso, in quanto parziale.  Un racconto parziale di un fatto non è un racconto veritiero, né onesto.
Per evitare di collezionare una serie di notizie false, in quanto incomplete, chi gestisce il sito di news, sia egli giornalista o meno, dovrebbe sempre fare in modo di seguire gli sviluppi delle notizie che …

Anima nera

Vivo ai confini 
della solitudine,
alle porte dell’eccesso, 
a un passo dalla violenza,
fiero della mia 
anima nera.