Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Luglio, 2005

Okkio e prudenza

Vedere un incidente in autostrada mette sempre un'angoscia... specie se si sta andando in vacanza.






L'ho letto su Internet...

Si sente dire spesso: "L'ho trovato su Internet" e con questa frase si intende accreditare quanto affermato, come se si stesse citando una fonte al di sopra di ogni sospetto. 
In realtà, invece di nominare genericamente Internet come fosse una fonte unica e indifferenziata, sarebbe più corretto nominare il sito e/o il blog specifico nel quale si è letto ciò che si sta citando
È questione di correttezza...
Ma, al di là delle considerazioni appena fatte, ciò che preoccupa di quel "L'ho letto su Internet" è il fatto che per molti (troppi) individui Internet è diventata l'unica fonte di informazione, sapere e cultura

In particolar modo, per costoro, sembra non esserci più il sapere derivante dalla lettura di un libro. 
Per tali persone sembra che ciò che possono conoscere su di un argomento qualsiasi dalla lettura di una o due (o più) paginette su Internet, sia paragonabile alla conoscenza che dello stesso argomento se ne può avere dalla lettura di uno o due…

Ti fanno male i calli? Ci sono i blog

Il tormentone dell’estate 2005 sembra essere: “la soluzione viene dai blog”. 
Sfogliando i giornali, infatti, si incorre spesso in articoli che parlano di alcuni problemi italiani e indicano nei blog la soluzione della questione. 
Ad esempio, articoli nei quali si parla della situazione dell’informazione in Italia, non mancano di nominare il fenomeno dei blog con parole piene di speranza

Mi pare che tale atteggiamento sia un po’ superficiale, per non dire da burletta.
Invece di indagare le cause del problema e di decidere di risolvere la situazione, ci si affida alla speranza che dai blog possa venire il cambiamento. 

Ma i cambiamenti devono essere voluti e sollecitati, perché si possano verificare e non è demandando sempre agli altri che si risolvono i problemi, ma è affrontandoli in prima persona (magari anche attraverso i blog, ma sicuramente attraverso i mezzi di comunicazione nei quali si lavora): c’è bisogno di un po’ di coraggio, altrimenti si arriverà ad affermare che la soluzion…

Sindone

Per preparare la prossima puntata di CULT sto leggendo dei libri sulla Sindone e mi torna vivo il ricordo della mia visita a Torino nel 1998 proprio per andare a vedere la Sindone da vicino. 
L'emozione fu fortissima, così come la sicurezza di trovarmi di fronte a un reperto storico autentico.

Hanno vinto i londinesi

Se il terrorismo prevede come strategia quella di buttare nel panico i cittadini inermi, allora ieri i terroristi hanno perso la loro battaglia contro i londinesi che si sono dimostrati padroni della situazione e non hanno dato segno di essere terrorizzati. Ovviamente, scene di panico ci sono state (specie nei primi minuti), ma i media inglesi hanno deciso di diffondere ben altre immagini: compostezza; efficienza dei soccorsi; immagini di persone che si muovono a piedi per recarsi in qualche luogo e non gente che corre fuggendo... Insomma, niente terrore: come dire che il terrorismo non è una strada percorribile in Gran Bretagna...
E a proposito di terrorismo: ma che fine ha fatto l'imprendibile Osama Bin Laden? (No, dico, se io mi metto le mani nel naso lo sa mezzo pianeta e nessuno sa dove si nasconde il ricercato numero uno?!?)