Passa ai contenuti principali

Post

Philippe Besson

Philippe Besson è uno degli autori viventi che preferisco. Ne ho scoperto gli scritti relativamente da poco e, come quasi mai mi capita di fare, li sto leggendo uno di fila all'altro. Ecco l'elenco delle recensioni ai suoi libri.
Memoriali Non mentirmiUn certo Paul Darrigrand
Romanzi Un amico di Marcel ProustUn ragazzo italiano
Post recenti

Tu sei

Mi concedo il lussodi sognarti,di sognarci.
Io sonoil maturo affidabile,l’usato ben tenuto.
E tu?Tu sei.

La rispettabilità genera "doppi" | AMLETO

Ci sono romanzi talmente famosi che i loro titoli entrano, addirittura, nel linguaggio comune e le cui storie sono tanto note che si può avere la sensazione di averli già letti.
Uno di tali romanzi è sicuramente Lo strano caso del dottor Jekyll e del signor Hyde di Robert Louis Stevenson che ieri ho letto e oggi recensito su AMLETO.

Un ragazzo italiano | Parole GLBT

Ho scoperto relativamente da poco Philippe Besson ed è già diventato uno degli autori viventi che preferisco.
Ieri mi è arrivato il suo Un ragazzo italiano e l'ho subito iniziato, terminando la lettura solo quando sono giunto all'ultima pagina.
Oggi ho scritto la recensione al romanzo su Parole GLBT.

La scuola della carne | Parole GLBT

Ho davvero molto apprezzato per la modernità dei personaggi e della vicenda La scuola della carne di Yukio Mishima. Ho recensito il romanzo su Parole GLBT.

Contenuti durevoli

Proprio perché Internet vive di quello che mi piace definire un Eterno presente, lascio che della “cronaca spicciola” si occupino i siti delle testate giornalistiche.
Io preferisco sganciarmi da vecchie logiche da carta stampata e non rincorro i clic pubblicando post relativi al fatto sensazionalistico del giorno.Ai clic (che lascio volentieri a quei siti-monnezza che ne vanno a caccia), antepongo le relazioni basate sulla fiducia nelle mie capacità di scrittore e critico.
In altre parole, al “mordi e fuggi” del titolo acchiappa-clic, preferisco di gran lunga tentare di creare e diffondere contenuti durevoli.Contenuti che fanno lo sforzo di affrontare un qualsiasi argomento con uno “sguardo lungo” che vada oltre il dato specifico e contingente.Non per generalizzare o banalizzare, ma per tentare di trovare un senso più ampio e “stabile” nel tempo.Contenuti, quindi, che possano essere validi e fruibili anche a distanza di tempo da quando sono stati pubblicati, perché ritenuti ancora utili

Frankenstein di Mary Shelley | AMLETO

In questi ultimi giorni ho letto in successione: La sepoltura di Lord Byron (peccato sia solo un frammento); Il vampiro di John Polidori; e Frankenstein di Mary Shelley di cui ho scritto una recensione su AMLETO