Passa ai contenuti principali

Post

Una scena che nessuno voleva girare | AMLETO

Oggi ho intervistato Luca Borromeo che, con Marco D'Amore, ha girato una scena di bacio gay nel film "Drive me home" di Simone Catania. Il video integrale dell'intervista può essere visto su AMLETO.
Post recenti

Tra le braccia di un ragazzo

Non troveremo riposotra le braccia di un ragazzo, ma fremiti incessanti e desideri di vita.

Un narratore potente | AMLETO

Ieri ho letto tutto d’un fiato (e in anteprima) il nuovo libro di Stefano Mecca: Kiwi metallizzato. Questa mattina ho sentito l’esigenza di rendere pubblico su AMLETO il mio apprezzamento. Mi auguro che, presto, anche altri lettori possano avere la possibilità di leggere questo bel romanzo.

Recitare all’estero per i bambini | AMLETO

Oggi ho avuto l’occasione di intervistare Giuseppe Cardascio e Salvatore Varvaro che, recentemente, hanno vinto il Red Mood Festival di Mosca.
Il video integrale dell’intervista si può vedere su AMLETO.

Far finta di essere sani | Parole GLBT

Tenendo sempre presente la lezione di Mario Mieli, questa mattina ho provato a spiegare perché i maschi eterosessuali fingono di essere esclusivamente etero. Puoi leggere il post Far finta di essere sani su Parole GLBT.

Due biglietti da Pontiggia

Mentre cercavo il materiale per preparare il post precedente sulla presentazione milanese del mio libro su Tatiana Pavlova, ho ritrovato due biglietti che lo scrittore Giuseppe Pontiggia mi aveva inviato e che credevo persi.
Ho avuto modo di conoscere Pontiggia quando, il 26 aprile 2001, ho presentato il suo Nati due volte alla Fiera del libro di Bergamo.

I due biglietti, inediti, mi hanno fatto tornare alla mente piacevoli ricordi. Per questo ho deciso di condividerli qui.

Il primo biglietto del 12 maggio 2001 dice:
Gentile Danilo Ruocco, ho molto apprezzato il Suo pezzo sul mio romanzo. È  scritto con energia e vivacità. E tocca punti essenziali. Le mando i miei auguri grati Giuseppe Pontiggia
Nel secondo scritto, datato 4 giugno 2001, si legge:

Caro Ruocco, Le sono grato della Sua lettera e della nuova recensione. Anche questa, nel suo taglio efficace, è precisa e utile al lettore. Cosa rara. A presto. Le mando i miei auguri e i miei saluti più cordiali Giuseppe Pontiggia

Al Teatro Strehler per Tatiana Pavlova

La recente intervista che Daniele Ceccarini mi ha fatto su Tatiana Pavlova per il sito RussiaPrivet, mi ha fatto tornare alla mente la presentazione al Teatro Strehler di Milano del saggio che ho scritto sulla Pavlova e pubblicato con Bulzoni.
Era il 28 febbraio del 2001 e a presentare il volume assieme a me c’erano Paolo Bosisio, Fausto Malcovati, Alessandro Quasimodo, Eva Magni e Raul Grassilli.
In sala erano presenti carissimi amici e Lidia D’Aroma, figlia di Nino D’Aroma (ultimo marito della Pavlova), appositamente venuta da Roma.

Dopo la presentazione, assieme agli amici, abbiamo fatto festa in un ristorante nelle vicinanze. Il tutto era stato organizzato in modo impeccabile da Paola Bisi.
Un’esperienza che ricordo volentieri anche se con un filo di nostalgia.