Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Maggio, 2019

18 anni di daniloruocco.it

Oggi il dominio daniloruocco.it compie 18 anni e diventa maggiorenne, essendo "nato" il 28.5.2001. In 18 anni il Web è cambiato radicalmente e anche le nostre vite sono mutate. Basti solo pensare, ad esempio, alla rivoluzione compiuta dai social network non solo nella Rete, ma anche, e forse soprattutto, nella nostra quotidianità di corpi biologici. Sono cambiati il modo di pensare, di relazionarci agli altri, di considerare cosa è privato e cosa non lo è...
In questi 18 anni di costanti mutamenti, anche il mio modo di scrivere per il Web sicuramente è cambiato (spero in meglio). Ho sperimentato molti modi di approcciarmi alla Rete e molte applicazioni (alcune delle quali hanno chiuso definitivamente i battenti).
Ho aperto e chiuso spazi online, ma, nonostante ciò, ho sempre ritenuto fondamentale, per costruire una relazione stabile con chi mi segue,  essere presente in un luogo fisso e mio fin dal suo nome.  Tale luogo è proprio daniloruocco.it.
Buon compleanno daniloruocco.it!

A Modica #3

Nei giorni scorsi sono stato a Modica per la terza volta.

Al Museo Casa natale Salvatore Quasimodo ho parlato delle reazioni che suscitò l'assegnazione a Salvatore Quasimodo del Premio Nobel per la Letteratura e ho partecipato all'inaugurazione della mostra permanente delle gouaches realizzate da Quasimodo.

Nella cittadina siciliana, tra le altre, ho anche avuto modo di visitare la Biblioteca comunale intitolata a Salvatore Quasimodo, nella quale è custodito il busto in bronzo di Quasimodo realizzato da Francesco Messina e di assaggiare in anteprima il buonissimo menu che lo chef Graziano Barone ha realizzato ispirandosi all'opera del poeta siciliano.

Non potevo, infine, non fermarmi all'Antica Dolceria Bonajuto dove ho gustato uno dei loro deliziosi cannoli al cioccolato.

Una targa per Quasimodo alla Rocca di Bergamo Alta

Questa mattina ho accompagnato Alessandro Quasimodo alla Rocca di Bergamo Alta dove si è svolta la cerimonia di svelamento della targa in onore di Salvatore Quasimodo che a Bergamo fu imprigionato per non aver risposto alla cartolina-precetto inviatagli dalla Repubblica di Salò (LEGGI).

A carico vostro

Mi sono dimenticato acceso e ho ricordato i sogni infranti, i calci sul cuore.
Ho chiuso casa e ho viaggiato con la fantasia. Ero amato. Bugia.
Ora, prima di sorridere, calcolo i costi a carico vostro.

Se te lo chiedesse il tuo calciatore preferito?

A me non ha mai convinto chi non perde occasione per esibire il suo essere omofobo. Ho sempre sospettato che tale atteggiamento nascondesse, in realtà, voglie represse a fatica.
Tra i più platealmente omofobi ci sono i tifosi di calcio. Così, questa mattina, provocatoriamente, ho rivolto loro una domanda. La si può leggere su Parole GLBT.