Post

Visualizzazione dei post da Luglio, 2018

Perché combattere per il matrimonio egualitario | PAROLE GLBT

Immagine
In questi giorni in cui l'omofobia è al Governo mi è sembrato il caso di leggere e recensire Il giorno più felice della mia vita di Sebastiano Mauri in cui molto si dice dei danni sociali dell'omofobia e sul perché sia necessario battersi per il matrimonio egualitario.  Leggi la recensione

In Sicilia per raccontare il Nobel a Quasimodo

Immagine
Alessandro Quasimodo e Danilo Ruocco davanti a delle gouaches di Salvatore Quasimodo (Roccalumera, agosto 2017) Il 20 agosto sarò a Modica e il 22 a Roccalumera per raccontare qualcuna delle reazioni contrastanti che, nel 1959, alcuni uomini di cultura ebbero all’annuncio del conferimento del Premio Nobel per la letteratura a Salvatore Quasimodo . Se vi fu chi si congratulò con il poeta premiato, vi fu anche chi, invece, fu roso dall’invidia. A 50 anni dalla morte di Quasimodo (14 giugno 1968) e a quasi 60 dal Premio Nobel, ho pensato fosse interessante ricostruire i fatti e fare anche un accenno alle conseguenze che quelle prime reazioni ebbero sullo studio complessivo dell’opera di Quasimodo.  1959 Salvatore Quasimodo vince il Premio Nobel  conferenza di Danilo Ruocco   Modica , Museo Casa natale Salvatore Quasimodo, 20 agosto 2018, ore 19.30 casaquasimodo.it   Roccalumera , Parco letterario Salvatore Quasimodo “La Terra impareggiabile”, 22 agosto 2018, ore 21

Quasimodo in Europa

Immagine
Tra ieri e oggi ho avuto modo di mettere in rilievo la popolarità di Salvatore Quasimodo in Europa grazie a due post: il primo che descrive la teca dedicata a Quasimodo all'interno del Museo Nobel di Stoccolma ; e il secondo che segnala l'uscita in Francia dei Lirici greci tradotti dal poeta siciliano.

L'ultimo discorso di Quasimodo e il nuovo francobollo a lui dedicato

Immagine
Ieri ho ricevuto un pacco dal Museo Casa natale Salvatore Quasimodo di Modica contenente, tra le altre cose, il folder con il nuovo francobollo dedicato a Salvatore Quasimodo, una maglietta, un libretto che riproduce l'ultimo discorso pubblico di Quasimodo e del cioccolato di Modica. Tra ieri e oggi ho fatto sia dei selfie con la t-shirt e il cioccolato di Bonajuto, sia due post: il primo sul discorso che Quasimodo pronunciò per commemorare Martin Luther King e il secondo sul nuovo francobollo di Poste italiane. 

Pensierini a colori #1

Immagine
Da almeno un paio d'anni vado ripetendo che - a mio avviso - Instagram è il social network e social media più interessante tra quelli ora disponibili.  Lo uso quotidianamente sia per guardare e ammirare gli scatti degli altri, sia per pubblicare cose mie.  Essendo uno scrittore, ho unito il potere delle immagini con quello delle parole e, spesso, creo dei "pensierini a colori" che pubblico su Instagram.  Oggi presento, soprattutto a quanti non mi seguono su Instagram, sei di tali pensierini. Ne ho scelto uno per ogni mese tra quelli che ho pubblicato da gennaio a giugno 2018.  Chi volesse vedere gli altri, non ha che da andare a guardare il mio profilo (IG: @daniloruocco). Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno

Oggi 20 anni fa

Immagine
Esattamente 20 anni fa, il primo luglio 1998, mi sono laureato con il massimo dei voti e dignità di pubblicazione in Lettere Moderne (V.O.) presso l’Università degli Studi di Milano.  La cattedra presso la quale ho preparato la tesi era quella di Storia del Teatro e dello Spettacolo. La tesi l’ho fatta su Tatiana Pavlova (attrice e regista).  Relatore era Paolo Bosisio e correlatore Fausto Malcovati. Presidente della commissione Giuseppe Velli. In commissione ricordo la presenza di Anna Cavallone Anzi e Stefano Zecchi.  Ad assistere alla mia discussione erano venuti parenti e amici e questo mi aveva inorgoglito e mi aveva fatto enormemente piacere. Partire dal risultato finale, però, potrebbe dare l'impressione che io sia stato uno studente tutto concentrato sugli studi.  Non è stato così. Anzi! Durante gli anni di Università ho fatto una marea di altre cose. Ad esempio: Ho girato gli Stati Uniti da solo; Ho iniziato a scrivere per i giornali