Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Marzo, 2018

Il Passato arriva all'improvviso

A rigor di logica, il Passato è attivo già da ieri, da un’ora fa o un momento prima.  Ossia, Passato è tutto ciò che non è Presente o Futuro. Nei fatti, però, ciò che è successo ieri, un’ora fa o un momento prima, difficilmente viene da noi percepito come facente parte del nostro Passato.
Anzi, molto di frequente, ci sono fatti che sentiamo facenti parte del nostro Presente, anche se sono accaduti molto tempo fa.  Li sentiamo ancora vivi, palpitanti.
Al contrario, certi avvenimenti fanno parte del nostro Passato se ci accorgiamo che non sentiamo più per loro quel vivo interesse che provavamo quando, invece, essi erano nel nostro Presente. Fatti che smettono di essere una ferita viva, ma diventano cicatrici. Non danno più ansie, ma si sono trasformati in ricordi, dolci o dolorosi che siano. 
E il passaggio dal Presente al Passato, in molte occasioni, è improvviso:  ci si sveglia e si realizza che una data cosa non suscita più le reazioni che, invece, suscitava solo qualche giorno prima o, addi…

Di poche parole

Oggi, in stazione, un ragazzo
si è seduto al mio fianco.
È il tuo ritratto e gli ho sorriso.

“Io so chi è lei” ha detto.
“E io, forse, chi sei tu”.
“Per me è tutto ok”
e se ne è andato.

Di poche parole
come suo padre,
gli voglio già bene.

I risorti

Mi hanno raccontato che, quando ha saputo della mia morte, ha pianto. Un dettaglio che mi onora, ma che mi lascia ancora perplesso: sapeva che sarei risorto. Perché mi ha pianto morto? Forse - è solo un’ipotesi, sia chiaro - non era del tutto sicuro delle sue potenzialità e, allora, ha pianto sopraffatto dalla paura di non farcela. Poi, però, si deve essere fatto coraggio ed è venuto alla mia tomba.
Non deve essere stato facile mettersi in gioco davanti a tutta quelle gente che gli era estranea e anche un po’ nemica. Un miracolo di tale portata non lo aveva ancora tentato nessuno: far risuscitare un morto! L’amore che provava per me, però, lo spinse a tentare l’impossibile e a sfidare la Morte.
A me è bastato sentire la sua voce per rinascere. Tornare alla vita. La sua voce calda, piena d’amore per tutti e per me in particolare. La sua voce dolcemente imperiosa e carezzevolmente persuasiva. Quanto amavo quella voce! Come era capace di restarmi dentro per ore, per giorni.
Anche quando lo sapevo lo…

Io sono l'Amore di Luca Guadagnino | Parole GLBT

Dopo aver visto al cinema Chiamami col tuo nome ho recuperato il DVD di Io sono L'Amore. La visione della pellicola mi ha confermato nel mio giudizio su Luca Guadagnino: è un grande regista da seguire con attenzione. Per Parole GLBT ho scritto una recensione del film.

Gli editori inutili | AMLETO

Ieri ho visitato i padiglioni di Tempo di Libri. Su AMLETO ho pubblicato una mia riflessione nata in seguito alla visita e a uno scambio di battute con un editore presente con un proprio stand.

A colazione con Tennessee Williams | Parole GLBT

Tennessee Williams è uno dei miei drammaturghi preferiti. Non potevo, perciò, non leggere A colazione con Tennessee Williams di Freddy Longo. Ne ho scritto una recensione per Parole GLBT.