Jack lo Squartatore. Il mistero continua


Il grande merito del saggio di Trevor Marriott Jack lo Squartatore XXI secolo edito da Mondadori nel 2006 è soprattutto quello di aver riprodotto i documenti delle varie inchieste aperte in seguito agli omicidi avvenuti nell’ultimo trimestre del 1888 a Londra.

Il lettore, in tal modo, ha la possibilità di leggere i referti medici e le varie testimonianze rese subito dopo che i brutali omicidi si erano svolti.

E il farlo, rende palese quanto poco fu fatto (e poteva - in effetti - essere fatto) per identificare il serial killer conosciuto con il nome di Jack lo Squartatore.

Le tecniche di indagine allora in uso erano modeste e non ci si poteva neppure avvalere dell’aiuto della scienza: l’uso di prendere le impronte digitali e analizzare i reperti in cerca di tracce del DNA erano di là da venire.

Si poteva solo sperare di cogliere l’omicida sul fatto o di riuscire a far confessare qualche sospettato.


Ma l’Autore del volume, ovviamente, non si è limitato a riportare la documentazione relativa al caso: ha anche svolto ulteriori indagini che lo hanno portato sia a convincersi del fatto che nessuno dei sospetti finora indicati come possibili Jack lo Squartatore potevano in effetti esserlo (neppure quel Sickert indicato dalla Cornwell); sia a indicare dove cercare ulteriori indiziati.

Marriott, infatti, è convinto che Jack lo Squartatore vada cercato tra le fila dei marinai dei mercantili che facevano la spola con Londra e nel libro illustra le sue ragioni.


Un saggio, quindi, che se da un lato pare sgombrare il campo dalle varie ipotesi investigative fatte nel corso dei decenni, dall’altro apre a nuovi filoni di indagini.

Un saggio che merita di essere letto.

Commenti

Post più visti del mese

Il nome di Jack lo Squartatore

Luca Borromeo

Consigli per parlare in pubblico di Danilo Ruocco