Passa ai contenuti principali

Cambierà la socialità


Ho più volte detto che, durante la Fase 2 (che ritengo durerà a lungo), i nostri stili di vita muteranno notevolmente
Ho sottolineato come il distanziamento sociale porterà con sé una diversa organizzazione del lavoro e, di conseguenza, diversi orari in cui vivere “il tempo libero”.

Per farla breve, se gli spazi aperti al pubblico tenderanno a dilatare i loro orari di apertura - arrivando fino a luoghi in cui, necessariamente, si resterà aperti h24 7/7 (come avverrà, presumibilmente, in molti centri commerciali) - ciò porterà con sé una turnazione e un orario di lavoro del tutto nuovi per un paese come l’Italia.

Di conseguenza, anche il tempo libero sarà vissuto in orari ora “inediti”.
E la rivoluzione degli orari, sommata al distanziamento sociale, porterà al cambiamento della socialità.

Avrà senso organizzare il proprio tempo libero con una comitiva di amici?
Probabilmente no.
Oltre che difficoltoso far coincidere gli orari di tutti, si penserà, magari non dicendolo, che riunirsi in troppi “dal vivo” potrebbe essere… pericoloso per la salute.

La socialità “off line” cambierà diventando una questione, paradossalmente, “privata”, ossia vissuta, di volta in volta, assieme a un’altra persona o altre due o tre al massimo.

Ciò consentirà di tenere “sorvegliato” il distanziamento sociale e renderà più semplice far coincidere gli orari e i giorni.

E non avrà alcun senso pensare che si “debba” pranzare e cenare a certi orari “canonici”, perché, oltre ai diversi orari di lavoro, sarà da mettere in conto la diversa organizzazione della mobilità personale che inciderà, sull'organizzazione del tempo feriale quotidiano, molto più di quanto avvenga ora.

Può essere che, a conti fatti, molti preferiranno incontrare gli amici solo online, in video-chat di gruppo programmate con largo anticipo. 

In definitiva: scordiamoci il passato e riorganizziamo in fretta il nostro presente.

Commenti

Post più letti durante la settimana

Tu sei

Mi concedo il lussodi sognarti,di sognarci.
Io sonoil maturo affidabile,l’usato ben tenuto.
E tu?Tu sei.

Sorrido alla Vita

Nell'agosto del 2000 ho avuto uno shock anafilattico e mi è stato detto che, nel giro di 10 minuti, sarei morto soffocato.  L’unica speranza per me, che, fino a quel momento, non sapevo di essere allergico a qualcosa, era che non fossi allergico anche al cortisone. Non lo sono ed eccomi qui.
Negli ultimi giorni un mio contatto su Facebook mi ha fatto notare che sorrido spesso. Gli ho risposto che la vita è già triste di suo ed è meglio non peggiorare le cose.
Ora vorrei aggiungere che io sorrido alla Vita. Sorrido con la consapevolezza profonda, radicata, che essa possa cessare in qualsiasi istante. Sorrido per la sua insensatezza. Sorrido perché i piccoli dispiaceri quotidiani non diventino, ai miei occhi, tragedie immani. Sorrido tentando di prendere il meglio da ciò che mi viene offerto. 
Mi difendo con un sorriso.
Leggi anche Dionisiaco

Letteratura GLBT

Recensioni a libri di narrativa che hanno per argomento tematiche e personaggi GLBT. 
A AaVv Claudio Finelli a cura di, Se stiamo insiemeAndré Aciman, Chiamami col tuo nomeAndré Aciman, CercamiGilbert Adair, The DreamersB Dorothy Baker, Cassandra al matrimonioYehoshua Bar-Yosef, Il mio amatoAnna Berra, L'ultima cerettaMatteo B. Bianchi, Tu Cher dalle stelleAlan Bennett, La cerimonia del massaggioAlan Bennett, Gli studenti di StoriaPhilippe Besson, Un amico di Marcel ProustPhilippe Besson, Un ragazzo italianoFrancesco Botti,Di corsa, di nascostoGyles Brandreth, Oscar Wilde e i delitti a lume di candelaFranco Buffoni, ZamelFranco Buffoni, Il servo di ByronWilliam Burroughs, Il pasto nudoC Andrea Camilleri, Il colore del soleAdolfo Caminha, Il negroTruman Capote, Colazione da TiffanyGandolfo Cascio, AdmetoLuis Cernuda, I piaceri proibitiStephen Chbosky,Ragazzo da pareteJean Cocteau, I ragazzi terribiliDennis Cooper, TroieIvan Cotroneo, Un bacioMichael Cunningham, Mr BrotherE Eve EnslerI…