Passa ai contenuti principali

L'irrazionale razionale

La vita reale è imprevedibile e irrazionale.
Di conseguenza, ogni giorno andrebbe sempre vissuto appieno e con la consapevolezza che potrebbe essere l’ultimo.

Eppure ci comportiamo come se la nostra vita fosse prevedibile e interminabile e programmiamo il futuro con largo anticipo.
E nel costruire il futuro - immaginandolo a nostro uso e consumo - elaboriamo planning che ci piace definire “razionali”.

Il dirci razionali ci tranquillizza. 
Allevia l’ansia; zittisce i sensi di colpa e modera il senso di impotenza.

Ma la vita vera, nonostante i nostri sforzi di darle un senso, resta un vortice insensato di variabili incontrollabili e il pianificarla con largo anticipo è un gioco divertente, ma irrazionale.
Anche la “semplice” pretesa di affrontare il futuro in base all'elaborazione dei dati esperienziali provenienti dal presente e dal passato è irrazionale!

Per non dire che nel programmare il futuro si dà per scontato ciò che scontato non è: l’esserci.

Paradossalmente, quindi, chi pretende di affrontare la vita razionalmente è irrazionale!

Ecco perché la vita andrebbe vissuta in modo nietzschianamente dionisiaco: ossia abbandonandosi ad essa con coraggio e completamente.

Leggi anche: Dionisiaco 

Commenti