Passa ai contenuti principali

Giovanni XXIII torna a Bergamo

Giovanni XXIII


Oggi ho avuto l’onore di partecipare “alla cerimonia di accoglienza delle venerate spoglie del Santo Papa Giovanni XXIII” a Bergamo.

Giorgio Gori
È stata una manifestazione assai sobria che si è svolta in Piazza Vittorio Veneto (il cuore di Bergamo Bassa), durante la quale le spoglie del Santo bergamasco sono state accolte con un saluto-ringraziamento da S.E. il Vescovo Francesco Beschi, dalla Prefetto di Bergamo Elisabetta Margiacchi e dal Sindaco di Bergamo Giorgio Gori.
Erano anche presenti personalità cittadine come, ad esempio, l’on. Elena Carnevali, il vicesindaco Sergio Gandi, l’assessore Giacomo Angeloni e il Rettore dell’Università Remo Morzenti Pellegrini.

Vedere il corpo imbalsamato del Santo Papa chiuso in una teca di cristallo trasportata sotto il sole cocente da un’autovettura qualunque mi ha dato sensazioni contrastanti: 
  • sicuramente c’era la consapevolezza di prendere parte da una posizione privilegiata (quella riservata alle autorità cittadine) a un evento difficilmente ripetibile.
  • Poi c’era un senso di compassione per le povere spoglie che sembravano soffrire il caldo chiuse com'erano nella teca trasparente. 
  • Infine l’evidenza della natura umana di un Santo. Un Santo che è stato, forse soprattutto, un grande Uomo e per tale motivo va ricordato e ringraziato.


Ad ogni modo, al di là di come la si pensi sull'opportunità di far fare una “peregrinatio” a una salma, per quanto santa, resta il dato di fatto che l’organizzazione di un evento di tale complessità è stata inappuntabile.


Danilo Ruocco

Commenti

Post più letti durante la settimana

Il mondo delle perfette cretine

Esiste un mondo, una “bolla” (come direbbero quelli bravi), popolato da perfette cretine.
È il mondo nel quale una donna, per il solo fatto di essere donna, è una principessa e/o una fatina buona priva di qualsiasi difetto e cattiveria. Perfetta in quanto donna.
È il mondo nel quale le donne, mentre si laccano le unghie parlando al telefono con le amiche, si lodano perché si riconoscono in grado di fare due cose contemporaneamente (ossia, appunto, laccarsi le unghie e parlare al telefono).
È il mondo in cui vengono bandite le parole “violente” dell’anatomia e sostituite con quelle tranquillizzanti della fanciullezza.  Un mondo in cui, quindi, risuonano leggiadre parole come “farfallina”, “patatina” e “passerina”.
Un mondo in cui non si entra mai nel merito delle cose, ma si preferisce liquidare le critiche accusando l’autore delle stesse di essere “misogino”, “violento”, “irrisolto”, “maschilista”, “brutale”... Un mondo, quindi, in cui la realtà dei fatti è bandita. E questo perché, se si ent…

La rispettabilità genera "doppi" | AMLETO

Ci sono romanzi talmente famosi che i loro titoli entrano, addirittura, nel linguaggio comune e le cui storie sono tanto note che si può avere la sensazione di averli già letti.
Uno di tali romanzi è sicuramente Lo strano caso del dottor Jekyll e del signor Hyde di Robert Louis Stevenson che ieri ho letto e oggi recensito su AMLETO.

Gli occhiali d'oro di Bassani

La prima volta che ho letto Gli occhiali d'oro di Giorgio Bassani ero un ragazzo: avevo 18 anni ed ero stato spinto alla lettura del romanzo dall'uscita del film di Giuliano Montalto.
Ho riletto il libro e l'ho - nuovamente - trovato un capolavoro assoluto. Ne ho scritto su Parole GLBT.
Credo che prossimamente rivedrò pure il film...