Il Passato arriva all'improvviso

A rigor di logica, il Passato è attivo già da ieri, da un’ora fa o un momento prima. 
Ossia, Passato è tutto ciò che non è Presente o Futuro.
Nei fatti, però, ciò che è successo ieri, un’ora fa o un momento prima, difficilmente viene da noi percepito come facente parte del nostro Passato.

Anzi, molto di frequente, ci sono fatti che sentiamo facenti parte del nostro Presente, anche se sono accaduti molto tempo fa. 
Li sentiamo ancora vivi, palpitanti.

Al contrario, certi avvenimenti fanno parte del nostro Passato se ci accorgiamo che non sentiamo più per loro quel vivo interesse che provavamo quando, invece, essi erano nel nostro Presente.
Fatti che smettono di essere una ferita viva, ma diventano cicatrici.
Non danno più ansie, ma si sono trasformati in ricordi, dolci o dolorosi che siano. 

E il passaggio dal Presente al Passato, in molte occasioni, è improvviso:  ci si sveglia e si realizza che una data cosa non suscita più le reazioni che, invece, suscitava solo qualche giorno prima o, addirittura, solo ieri.
Il Passato arriva all'improvviso e spesso provoca un’alzata di spalle e/o un sorriso.