Passa ai contenuti principali

Ho paura di noi

Ho paura di noi.
I tagliagola del deserto che hanno organizzato la serie di attentati a Parigi ci hanno fatto sentire l’odore del sangue a casa nostra.
Lo sanno tutti, però, che è un errore far sentire l’odore del sangue a delle bestie: l’eccitazione cresce e si cerca altro sangue. Sangue chiama sangue. E ciò che temo oggi è, proprio, tale atavico richiamo.

Ho paura di noi, perché temo che i relativamente pochi anni in cui abbiamo vissuto rispettando determinate regole di tolleranza e convivenza civile non siano sufficienti a tenere a bada la belva feroce che è in noi.

Ho paura di noi, perché noi siamo eredi degli antichi romani; dei sanguinari e fanatici seguaci di Cristo; degli inquisitori spagnoli; dei rivoluzionari francesi e delle loro ghigliottine; dei comunisti, fascisti e nazisti…
Noi veniamo da lì e temo sia un attimo tornare lì. E farlo giustificandoci: dicendoci che lo facciamo per salvare il nostro stile di vita.

Ho paura di noi. Di ciò che potremmo inventarci per vendicarci, facendo finta di star solo difendendoci.


E ho paura che la soluzione che avevo indicato qualche mese fa per combattere il fanatismo dogmatico non venga neppure presa in esame con la scusa che richiede troppo tempo per essere realizzata.

Commenti

Post più letti durante la settimana

La rispettabilità genera "doppi" | AMLETO

Ci sono romanzi talmente famosi che i loro titoli entrano, addirittura, nel linguaggio comune e le cui storie sono tanto note che si può avere la sensazione di averli già letti.
Uno di tali romanzi è sicuramente Lo strano caso del dottor Jekyll e del signor Hyde di Robert Louis Stevenson che ieri ho letto e oggi recensito su AMLETO.

Gli occhiali d'oro di Bassani

La prima volta che ho letto Gli occhiali d'oro di Giorgio Bassani ero un ragazzo: avevo 18 anni ed ero stato spinto alla lettura del romanzo dall'uscita del film di Giuliano Montalto.
Ho riletto il libro e l'ho - nuovamente - trovato un capolavoro assoluto. Ne ho scritto su Parole GLBT.
Credo che prossimamente rivedrò pure il film...

Quando stavo per morire

Ho già scritto che sono stato a un passo dalla Morte: nell’agosto del 2000, mentre ero in vacanza in Calabria, ho avuto uno shock anafilattico e mi sono stati “annunciati” 10 minuti di vita.
La crisi si è manifestata all’improvviso: mi si è gonfiato parte del volto (in particolare il naso e la bocca) e ho iniziato ad avere dei crampi talmente forti da non riuscire a respirare.
La prima cosa che la dottoressa della Guardia medica ha voluto sapere (credo a causa delle convulsioni) era se fossi in crisi d’astinenza.Le ho risposto che non ero (e non sono tuttora) un tossicodipendente.
Allora ha capito (o ha avuto certezza) che si trattava di uno shock anafilattico.Mi ha chiesto se fossi allergico al cortisone, mia unica speranza di vita.Ho risposto che non sapevo neppure di essere allergico a qualcosa d’altro.
Mi ha detto che, se fossi stato allergico anche al cortisone, sarei morto; altrimenti, senza l’iniezione di cortisone, sarei morto soffocato entro dieci minuti.A me la scelta.Ho scelto…