Passa ai contenuti principali

Si scrive sempre di più. Facciamolo bene!

La copertina del manuale di Luisa Carrada
Ancora una volta Luisa Carrada consegna ai suoi lettori un manuale agile, utile e piacevole da leggere. Il libro, edito da Zanichelli, si intitola Lavoro, dunque scrivo! e il sottotitolo spiega che si tratta di un manuale per Creare testi che funzionano per carta e schermi.

L’Autrice, ad apertura di volume, ricorda che oggi si scrive molto di più di qualche anno fa e i testi che vengono pubblicati, sia su carta, sia sul Web, sono sempre più frammentati.
È essenziale, quindi, produrre testi che siano chiari e accessibili da più parti, in modo che il lettore capisca e sia invogliato a proseguire e concludere la lettura.

Testi semplici, ma non per questo necessariamente brevi. Coerenti al loro interno ed eleganti proprio in quanto semplici e diretti.
Ma essere semplici, avverte l’Autrice, non è per nulla facile. Serve disciplina e attenzione e va evitata la sciatteria.

La Carrada, autrice del blog "Il Mestiere di scrivere", nelle oltre 450 pagine del volume fornisce ai lettori tutti gli strumenti utili per redigere un testo agile, semplice, coerente ed elegante.
Lo fa in un libro molto curato anche sotto l’aspetto visivo e con ciò, non solo mette in pratica ciò che insegna, ma mostra concretamente come il testo, oggi, sia diventato sempre più un testo che prima di tutto si guarda, un testo visivo (ed è lampante l’esempio fornito dalla infografiche che imperversano su schermi e carta).

Il manuale affronta i testi più diversi: si va dal tweet al saggio, dal titolo al tag e l’Autrice non si stanca di ricordare allo scrittore che la prima regola che deve tenere presente quando redige uno scritto è che deve mettersi nei panni del suo lettore e facilitargli la comprensione di quanto va scrivendo. Inutile complicare le cose al solo fine di pavoneggiarsi: si rischia di non essere letti, proprio perché non capiti.
Ecco, allora, che l’Autrice corregge gli errori di stile più comuni, i linguaggi più stantii (come il burocratese o il vetero-commerciale), i gerghi più incomprensibili o spesso inutili (come il legalese). Ma interviene anche sulle formule abusate e i giri di parole superflui...

Un libro, quello della Carrada, che si consiglia non solo a quanti si sentono insicuri di fronte alla tastiera, ma anche a coloro che scrivono con disinvoltura e, proprio per questo, rischiano di produrre testi non del tutto efficaci.
_________

Nel 2008, dopo aver letto un libro di Luisa Carrada, riflettendo su me stesso e sulla mia scrittura, ho scritto il post Io sono quel lampadario.
_________

Commenti

Post più letti durante la settimana

Tu sei

Mi concedo il lussodi sognarti,di sognarci.
Io sonoil maturo affidabile,l’usato ben tenuto.
E tu?Tu sei.

Sorrido alla Vita

Nell'agosto del 2000 ho avuto uno shock anafilattico e mi è stato detto che, nel giro di 10 minuti, sarei morto soffocato.  L’unica speranza per me, che, fino a quel momento, non sapevo di essere allergico a qualcosa, era che non fossi allergico anche al cortisone. Non lo sono ed eccomi qui.
Negli ultimi giorni un mio contatto su Facebook mi ha fatto notare che sorrido spesso. Gli ho risposto che la vita è già triste di suo ed è meglio non peggiorare le cose.
Ora vorrei aggiungere che io sorrido alla Vita. Sorrido con la consapevolezza profonda, radicata, che essa possa cessare in qualsiasi istante. Sorrido per la sua insensatezza. Sorrido perché i piccoli dispiaceri quotidiani non diventino, ai miei occhi, tragedie immani. Sorrido tentando di prendere il meglio da ciò che mi viene offerto. 
Mi difendo con un sorriso.
Leggi anche Dionisiaco

Letteratura GLBT

Recensioni a libri di narrativa che hanno per argomento tematiche e personaggi GLBT. 
A AaVv Claudio Finelli a cura di, Se stiamo insiemeAndré Aciman, Chiamami col tuo nomeAndré Aciman, CercamiGilbert Adair, The DreamersB Dorothy Baker, Cassandra al matrimonioYehoshua Bar-Yosef, Il mio amatoAnna Berra, L'ultima cerettaMatteo B. Bianchi, Tu Cher dalle stelleAlan Bennett, La cerimonia del massaggioAlan Bennett, Gli studenti di StoriaPhilippe Besson, Un amico di Marcel ProustPhilippe Besson, Un ragazzo italianoFrancesco Botti,Di corsa, di nascostoGyles Brandreth, Oscar Wilde e i delitti a lume di candelaFranco Buffoni, ZamelFranco Buffoni, Il servo di ByronWilliam Burroughs, Il pasto nudoC Andrea Camilleri, Il colore del soleAdolfo Caminha, Il negroTruman Capote, Colazione da TiffanyGandolfo Cascio, AdmetoLuis Cernuda, I piaceri proibitiStephen Chbosky,Ragazzo da pareteJean Cocteau, I ragazzi terribiliDennis Cooper, TroieIvan Cotroneo, Un bacioMichael Cunningham, Mr BrotherE Eve EnslerI…