Passa ai contenuti principali

Aborto e obiezione

SCANDALOSI! "@repubblicait: Jesi, stop a interruzioni di gravidanza i ginecologi sono tutti obiettori bit.ly/RUeaer"
— Danilo Ruocco (@daniloruocco) Settembre 8, 2012
Personalmente ritengo sia un fatto scandaloso che in un ospedale pubblico la maggioranza (o addirittura il 100%) dei ginecologi possa essersi dichiarato obiettore e, quindi, si rifiuti di praticare un’interruzione di gravidanza.
So bene che la legge 194 all’art. 9 consente ai ginecologi la possibilità, appunto, di non partecipare alle interruzioni di gravidanza laddove queste non siano necessarie per evitare alla donna gravi pericoli per la sua salute.
Ma è altrettanto vero che la medesima legge prevede all’art. 4 che alla donna sia data la possibilità di ricorrere, entro i primi novanta giorni, all’interruzione della gravidanza nel caso in cui 
[...] accusi circostanze per le quali la prosecuzione della gravidanza, il parto o la maternità comporterebbero un serio pericolo per la sua salute fisica o psichica, in relazione o al suo stato di salute, o alle sue condizioni economiche, o sociali o familiari, o alle circostanze in cui è avvenuto il concepimento, o a previsioni di anomalie o malformazioni del concepito [...].
Se, poi, mettiamo nel conto che per una donna decidere di ricorrere all’interruzione di gravidanza non è mai una scelta semplice, mi pare che consentire il verificarsi di situazioni in cui è difficile, se non impossibile, ricorrere all’aiuto di medici ginecologi per interrompere la gravidanza sia una vera e propria violenza operata sulla donna. Una violenza che non pare essere solo di natura psicologica.
E mi pare, poi, che oltre che alla donna, la violenza sia fatta allo Stato e ai suoi cittadini: penso, infatti, che sia un vero e proprio abuso il fatto che in una struttura che si mantiene grazie al contributo pubblico sia impedito a delle cittadine di avvalersi di una Legge dello Stato.
Credo, infine, che sia arrivato il momento di far comprendere ai ginecologi che in Italia, dal 1978, è in vigore la Legge 194 che consente alle cittadine il diritto di ricorrere all’interruzione di gravidanza. Coloro che sono contrari per motivi ideologici all’interruzione di gravidanza e desiderano dedicarsi da professionisti alla ginecologia, possono benissimo operare in strutture ospedaliere private che non si avvalgono di contributi economici pubblici. Meglio sarebbe, a mio avviso, che costoro non si dedicassero affatto alla ginecologia, in quanto, mi pare palesino chiaramente un disprezzo per la donna e i suoi diritti che mi sembra non aver pari nel mondo medico.
A più di trenta anni dall’entrata in vigore della Legge 194, mi pare sia arrivato il momento di consentire alle donne di poter liberamente esercitare i propri diritti in materia, senza il pericolo e la brutalità di trovarsi di fronte, in una struttura pubblica, a un muro di gomma che non glielo consente. 

Commenti

Post più letti

Parla Egisto: ho scelto!

Qualche giorno fa, correggendo il mio Parla Egisto, ero in dubbio se farne un libro, oppure pubblicarlo online a puntate, come se si trattasse di un blog (leggi). Non riuscivo a scegliere quale soluzione adottare, poi ho capito che la scelta giusta era, comunque, pubblicarlo. Ecco, allora che, da oggi, Parla Egisto è sia un libro cartaceo, sia un ebook.

Parla Egisto è disponibile su Amazon.it

Lavapiubianco

Pubblicato per la prima volta nel 1998 dalle Edizioni dell’Ariete di Siracusa, Lavapiubianco è il mio primo romanzo che, nel 2009, ho ripubblicato con Lulu.com sia in forma cartacea, sia come ebook.

Il romanzo narra la storia d'amore del protagonista per Lavapiubianco, una passione travolgente che non conosce ostacoli o barriere di sorta.




ORDINA IL LIBRO
Dalla rassegna stampa
ALESSANDRO RIZZO, in «Milk», 12 gennaio 2014.
6. A chi ha voluto rivolgersi Danilo Ruocco con “Lavapiubianco”? A tutti, ma soprattutto a quanti sono chiusi in una gabbia o si nascondono agli altri e a se stessi. Liberatevi e vivete in prima persona. Senza maschere e senza nascondervi. Vivete con il vostro nome e cognome. Siate la vostra Identità (con la I maiuscola).
ENRICO PROSERPIO, in «Culturaperta», 17 novembre 2009. "Lavapiubianco è un libro la cui narrazione veloce è zeppa di sessualità senza mai essere volgare. Il sesso, assolutamente libero e mercificato nella nuova società, diventa un mezzo di presa di …

Una app Android per Danilo Ruocco

Se hai uno smartphone e/o un tablet Android e vuoi ricevere in automatico sul tuo dispositivo gli ultimi post dei blog Danilo Ruocco 2.0 e Spazio Ruocco ti potrebbe essere utile la app che metto a disposizione gratuitamente. Si tratta di un lettore di feed che puoi liberamente configurare secondo le tue esigenze. Una volta scaricata la app, per installarla ti ricordo che, sul tuo device Android, nelle Impostazioni/Protezione devi mettere un flag accanto a “Origini sconosciute” (che puoi togliere subito dopo che l’installazione è riuscita). Al primo avvio, la app scarica gli articoli disponibili. Poi, ogni volta che viene pubblicato un post in uno dei due blog, la app lo scaricherà in automatico e un messaggio ti segnalerà l’avvenuto aggiornamento.
______
Ultimo aggiornamento app: 07.10.18