Passa ai contenuti principali

Aldo Giovanni e Giacomo ritoccati per Wind

Aldo, Giovanni e Giacomo non sono certo alti uguale. È cosa nota.
Risulta, quindi, misteriosa la ragione per la quale in alcune foto della campagna Wind essi sembrano avere la stessa altezza grazie al fatto che Giacomo è su un rialzo cancellato dalla foto con un banale fotoritocco.
Dunque, se tutti sanno che i tre non sono alti uguali, perché fingere che lo siano? I bassi, forse, fanno vendere poco?

Commenti

  1. "sembrano", ma forse, guardando semplicemente con MINIMO di attenzione e spirito di osservazione, non sembrano nemmeno. Semplicemente, sono disposti in propspettiva, in primo e secondo piano, e basta guardare il pavimento e l'altezza a cui sitrovano i piedi per rendersene conto. L'effetto ottico che fa sì che le teste risultino apparentemente alla stessa altezza è ottenuto riprendenoli leggermente dall'alto, con una prospettiva leggermente obliqua, anziché in piano. Non credo che c'entrino nulla le "discriminazioni" nei confronti dei bassi, tantopiù che anche negli stessi spot pubblicitari della compagnia telefonica i 3 hanno sempre giocato scherzosamente e ironicamente sulla loro ben ota differenza d'altezza. Penso che semplicemente questa insolita disposizione servisse a ottenre 2 effetti:
    1) Dare a tutti e 3 i personaggi lo stesso risalto
    2) Forse proprio ottenere, a uno sguardo un po' più attento un sottile effetto comico ulteriore derivante proprio dal fatto che il più basso dei tre sembra quasi posto su una sorta di simbolico "sgabello" per raggiungere nell'effetto visivo lla stessa altezza delle teste degli altri due, il che aggiunge secondo me una sottile ironia al quadretto.
    Cerchiamo di non essere troppo ossessionati dal "politically correct", e di non voler sempre cercare significati discriminatori reconditi ovunque!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie del commento.
      La tua ipotesi potrebbe essere corretta.

      Elimina
  2. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più letti durante la settimana

Il vizietto

Non so dire quante volte ho visto Il vizietto per la regia di Édouard Molinaro con Michel Serrault e Ugo Tognazzi. Trovo sia un vero capolavoro della cinematografia, ma fino a questa mattina non ne avevo mai fatto una recensione. Su Parole GLBT ho scritto la mia sul film.

Il mondo delle perfette cretine

Esiste un mondo, una “bolla” (come direbbero quelli bravi), popolato da perfette cretine.
È il mondo nel quale una donna, per il solo fatto di essere donna, è una principessa e/o una fatina buona priva di qualsiasi difetto e cattiveria. Perfetta in quanto donna.
È il mondo nel quale le donne, mentre si laccano le unghie parlando al telefono con le amiche, si lodano perché si riconoscono in grado di fare due cose contemporaneamente (ossia, appunto, laccarsi le unghie e parlare al telefono).
È il mondo in cui vengono bandite le parole “violente” dell’anatomia e sostituite con quelle tranquillizzanti della fanciullezza.  Un mondo in cui, quindi, risuonano leggiadre parole come “farfallina”, “patatina” e “passerina”.
Un mondo in cui non si entra mai nel merito delle cose, ma si preferisce liquidare le critiche accusando l’autore delle stesse di essere “misogino”, “violento”, “irrisolto”, “maschilista”, “brutale”... Un mondo, quindi, in cui la realtà dei fatti è bandita. E questo perché, se si ent…

La rispettabilità genera "doppi" | AMLETO

Ci sono romanzi talmente famosi che i loro titoli entrano, addirittura, nel linguaggio comune e le cui storie sono tanto note che si può avere la sensazione di averli già letti.
Uno di tali romanzi è sicuramente Lo strano caso del dottor Jekyll e del signor Hyde di Robert Louis Stevenson che ieri ho letto e oggi recensito su AMLETO.