Passa ai contenuti principali

Pensierini su carta

Il ritorno alla scrittura a mano mi spinge a tirar fuori dai cassetti i miei strumenti di scrittura che ho collezionato negli anni.
Ora sto scrivendo con una vecchia stilografica.
Scrivere con la stilografica mi ha sempre dato una segreta soddisfazione, come di operazione, in qualche modo, più nobile.
Il rischio che devo evitare ora che ho deciso di tornare alla scrittura manuale è quello di lasciare al pc solo la scrittura delle recensioni e dei post di “attualità”, tralasciando di pubblicare sui miei siti scritti più personali.
Il rischio è che la parte, la sfera, più personale resti scritta su queste pagine. Pagine lette solo da me, mentre io voglio essere letto dagli altri, perché io sono uno scrittore.
Non mi interessa scrivere un diario solo per me. Né mi interessa scrivere un diario pubblico. Forse, quello che non voglio è proprio un diario. Ciò che mi serve è un brogliaccio, un posto dove annotare frasi che, prima o poi, userò nei miei scritti pubblici che sono e restano gli unici scritti “veri”.
In fondo, quello che ho fatto fin qui con questo quaderno mi pare essere la strada giusta: scrivere, annotare e poi rielaborare per il Web o i romanzi.
Mi pare che quando scrivo su questo quaderno io sia più immediato, in qualche modo, meno sorvegliato (per quanto uno scrittore possa essere meno sorvegliato).
E ora, rileggendo quanto scritto, mi accorgo che potrei benissimo trascrivere tutto così com'è e pubblicarlo sul mio sito, così come mi accorgo che riprendere in mano questa vecchia stilografica è stato un errore, perché è evidente che essa non scrive più bene come una volta. Forse, se l'avevo riposta in un cassetto, la ragione era proprio dovuta al suo cattivo funzionamento, al fatto che a tratti non faccia scorrere l'inchiostro in modo fluido, impedendomi di scrivere rapidamente quanto sto pensando. Impedendomi di essere spontaneo e non troppo sorvegliato che è proprio quello che chiedo dalla scrittura a mano.
E forse è anche venuto il momento di lasciare bianche le ultime pagine di questo quaderno e iniziarne un altro con le pagine più piccole. Un blocco portatile, da portare sempre con me e sul quale annotare i miei pensieri (o, come avrei scritto un tempo, pensierini).
Intanto la stilografica mi pare abbia ripreso a scrivere in modo fluido. Forse le impurità di cui si era incrostata sono state espulse e io posso far di nuovo scorrere il pennino con la giusta velocità, il giusto ritmo.
Ed è giusto che lo scriva, oltre che pensarlo: l'idea di usare un pc o un telefonino per appuntare i miei pensierini mi fa venire l'orticaria. Mi sembra quasi un segno di resa, di paradossale imbarbarimento.
In qualche modo mi sentirei definitivamente e irrimediabilmente schiavo della tecnologia. Il fatto di dover accendere un supporto elettronico costato diverse centinaia di euro per scrivere i miei pensierini, le mie minchiate, mi farebbe sentire irrimediabilmente compromesso. Spacciato. Schiavo, appunto.
Ecco, forse è questa sensazione di fondo che mi ha portato a definire “minorati dell'umanità” quei turisti che quest'estate a Siracusa hanno usato l'Ipad al posto di una comunissima cartina geografica. Una di quelle che ogni albergo regala ai suoi ospiti.
Forse è proprio questo non volermi arrendere, diventare definitivamente schiavo, che mi impedisce anche solo il provare a leggere un intero libro sul pc. No. Io voglio la carta.
Sì, decisamente devo trascrivere e pubblicare queste pagine.

Commenti

Post più letti

Parla Egisto: ho scelto!

Qualche giorno fa, correggendo il mio Parla Egisto, ero in dubbio se farne un libro, oppure pubblicarlo online a puntate, come se si trattasse di un blog (leggi). Non riuscivo a scegliere quale soluzione adottare, poi ho capito che la scelta giusta era, comunque, pubblicarlo. Ecco, allora che, da oggi, Parla Egisto è sia un libro cartaceo, sia un ebook.

Parla Egisto è disponibile su Amazon.it

Lavapiubianco

Pubblicato per la prima volta nel 1998 dalle Edizioni dell’Ariete di Siracusa, Lavapiubianco è il mio primo romanzo che, nel 2009, ho ripubblicato con Lulu.com sia in forma cartacea, sia come ebook.

Il romanzo narra la storia d'amore del protagonista per Lavapiubianco, una passione travolgente che non conosce ostacoli o barriere di sorta.




ORDINA IL LIBRO
Dalla rassegna stampa
ALESSANDRO RIZZO, in «Milk», 12 gennaio 2014.
6. A chi ha voluto rivolgersi Danilo Ruocco con “Lavapiubianco”? A tutti, ma soprattutto a quanti sono chiusi in una gabbia o si nascondono agli altri e a se stessi. Liberatevi e vivete in prima persona. Senza maschere e senza nascondervi. Vivete con il vostro nome e cognome. Siate la vostra Identità (con la I maiuscola).
ENRICO PROSERPIO, in «Culturaperta», 17 novembre 2009. "Lavapiubianco è un libro la cui narrazione veloce è zeppa di sessualità senza mai essere volgare. Il sesso, assolutamente libero e mercificato nella nuova società, diventa un mezzo di presa di …

Una app Android per Danilo Ruocco

Se hai uno smartphone e/o un tablet Android e vuoi ricevere in automatico sul tuo dispositivo gli ultimi post dei blog Danilo Ruocco 2.0 e Spazio Ruocco ti potrebbe essere utile la app che metto a disposizione gratuitamente. Si tratta di un lettore di feed che puoi liberamente configurare secondo le tue esigenze. Una volta scaricata la app, per installarla ti ricordo che, sul tuo device Android, nelle Impostazioni/Protezione devi mettere un flag accanto a “Origini sconosciute” (che puoi togliere subito dopo che l’installazione è riuscita). Al primo avvio, la app scarica gli articoli disponibili. Poi, ogni volta che viene pubblicato un post in uno dei due blog, la app lo scaricherà in automatico e un messaggio ti segnalerà l’avvenuto aggiornamento.
______
Ultimo aggiornamento app: 07.10.18