Un pomeriggio con Valerio Massimo Manfredi



Come è noto, l’11 febbraio scorso Valerio Massimo Manfredi è stato ritrovato privo di sensi nella sua abitazione romana.

Trasportato d’urgenza in ospedale, Manfredi è uscito dal coma farmacologico il 16 e ora si sta riprendendo in una struttura sanitaria nei pressi della sua residenza.


Appena si è diffusa la notizia del grave malore, sono tornato con la memoria a un pomeriggio di molti anni fa in cui ho avuto la bella occasione di poter dialogare a lungo con lui.


Era il 12 aprile del 2002 e in un’affollatissima Libreria Mondadori di Bergamo ho coordinato la presentazione del romanzo L’ultima legione di Manfredi.


Era il primo appuntamento pubblico organizzato dalla Libreria Mondadori gestita da Stefano Calafiore ed eravamo tutti un po’ in tensione.


Con Manfredi ci siamo conosciuti direttamente quel giorno, pochi minuti prima dell’inizio della presentazione.

Con lui abbiamo parlato della sua produzione letteraria, partendo proprio dal suo ultimo romanzo.

Gli ho fatto parecchie domande - tutte non concordate - alle quali non si è mai sottratto.

Il pubblico era attento e partecipe.

Lui disponibile e cordiale con tutti.


Alla fine della chiacchierata, sono stato il primo dei lettori a chiedergli un autografo.


Un ricordo, quello del pomeriggio passato a dialogare con Valerio Massimo Manfredi, che è rimasto vivido nella mia memoria.





Commenti

Post più visti del mese

A lezione di libertà e di giornalismo libero

La strega che voleva essere amata

Uguale non vuol dire Identico | Si è uguali se si è unici