Passa ai contenuti principali

Gli italiani non credono in se stessi


Ieri a Milano ho partecipato a un corso di formazione per giornalisti* durante il quale Nando Pagnoncelli di Ipsos ha mostrato alcune diapositive relative a una ricerca finalizzata a fotografare il divario esistente tra i dati reali e la realtà percepita.
Una di tali diapositive mi ha colpito in modo particolare in quanto, a mio avviso, più delle altre mostra come gli italiani non credano in se stessi e nelle proprie capacità.


Nella colonna di destra della diapositiva (che riproduco qui), ad esempio, si evidenzia come il 45% delle persone intervistate non ritenga credibile il dato reale che pone l’Italia tra i primi 10 paesi al mondo per investimenti in ricerca e sviluppo (dato conosciuto solo dal 13% degli intervistati).
Analogamente, il 51% degli intervistati non ritiene credibile che l’Italia detenga il primato nella percentuale di riciclo dei rifiuti (dato conosciuto solo dal 10% degli italiani).
Infine, il 36% degli intervistati non ritiene credibile che l’Italia è il secondo paese al mondo per numero di citazioni delle proprie ricerche scientifiche.

In parole povere, gli italiani non si percepiscono come un popolo all’avanguardia nel mondo scientifico o capaci di avere una forte sensibilità ambientalista**.

Il divario tra la realtà e la percezione della realtà, in parte, è dovuto alla bassa scolarizzazione degli italiani (solo il 14% degli italiani è laureato); in parte all’insistenza di certi politici nel propagandare un’immagine dell’Italia irreale e particolarmente negativa al fine di generare e/o cavalcare le paure del popolino e, in parte, a mio modesto avviso, nell’azione della stampa nazionale più propensa a diffondere cattive notizie piuttosto che far conoscere ai propri lettori/spettatori quelle buone (sull’onda dell’adagio che vorrebbe che “una buona notizia non è una notizia”).

E, allora, rivendico con orgoglio l’aver fondato e diretto, anni orsono (2008-2009), un mensile dal titolo “Buone notizie dal volontariato”.
Forse, si dovrebbe dare più spazio alle notizie positive...




__________________
* “Politica, informazione e consenso nella Terza Repubblica tra percezione e realtà: la svolta digitale e la deontologia dei giornalisti” con Nando Pagnoncelli, Marco Marturano e Alessandro Galimberti.
** Gli altri primati positivi non ritenuti credibili mostrati nella diapositiva raccontano anche del fatto che gli italiani non si percepiscono come un popolo manifatturiero e industrializzato.

Commenti

Post più letti durante la settimana

Tu sei

Mi concedo il lussodi sognarti,di sognarci.
Io sonoil maturo affidabile,l’usato ben tenuto.
E tu?Tu sei.

Sorrido alla Vita

Nell'agosto del 2000 ho avuto uno shock anafilattico e mi è stato detto che, nel giro di 10 minuti, sarei morto soffocato.  L’unica speranza per me, che, fino a quel momento, non sapevo di essere allergico a qualcosa, era che non fossi allergico anche al cortisone. Non lo sono ed eccomi qui.
Negli ultimi giorni un mio contatto su Facebook mi ha fatto notare che sorrido spesso. Gli ho risposto che la vita è già triste di suo ed è meglio non peggiorare le cose.
Ora vorrei aggiungere che io sorrido alla Vita. Sorrido con la consapevolezza profonda, radicata, che essa possa cessare in qualsiasi istante. Sorrido per la sua insensatezza. Sorrido perché i piccoli dispiaceri quotidiani non diventino, ai miei occhi, tragedie immani. Sorrido tentando di prendere il meglio da ciò che mi viene offerto. 
Mi difendo con un sorriso.
Leggi anche Dionisiaco

Letteratura GLBT

Recensioni a libri di narrativa che hanno per argomento tematiche e personaggi GLBT. 
A AaVv Claudio Finelli a cura di, Se stiamo insiemeAndré Aciman, Chiamami col tuo nomeAndré Aciman, CercamiGilbert Adair, The DreamersB Dorothy Baker, Cassandra al matrimonioYehoshua Bar-Yosef, Il mio amatoAnna Berra, L'ultima cerettaMatteo B. Bianchi, Tu Cher dalle stelleAlan Bennett, La cerimonia del massaggioAlan Bennett, Gli studenti di StoriaPhilippe Besson, Un amico di Marcel ProustPhilippe Besson, Un ragazzo italianoFrancesco Botti,Di corsa, di nascostoGyles Brandreth, Oscar Wilde e i delitti a lume di candelaFranco Buffoni, ZamelFranco Buffoni, Il servo di ByronWilliam Burroughs, Il pasto nudoC Andrea Camilleri, Il colore del soleAdolfo Caminha, Il negroTruman Capote, Colazione da TiffanyGandolfo Cascio, AdmetoLuis Cernuda, I piaceri proibitiStephen Chbosky,Ragazzo da pareteJean Cocteau, I ragazzi terribiliDennis Cooper, TroieIvan Cotroneo, Un bacioMichael Cunningham, Mr BrotherE Eve EnslerI…