Passa ai contenuti principali

Il testo è sessuato


Sono un ghostwriter, ossia, scrivo per altre persone.
Da una ventina di anni circolano testi da me scritti e firmati da altri.
Testi di varia natura come articoli, conferenze o libri interi.
Testi che vanno dalla narrativa al discorso politico, passando per la memorialistica e la saggistica.

Ogni volta, quando scrivo per altri, la mia prima preoccupazione - dopo essermi accertato di aver davvero capito di cosa devo scrivere - è di immedesimarmi in chi firmerà il testo, per poterne assumere il punto di vista.
Ciò mi consente, anche, di poter scrivere sia al maschile, sia al femminile.

La scrittura è sessuata e c’è grande differenza tra un testo scritto per essere firmato da un uomo e un testo con il medesimo argomento, ma scritto per essere firmato da una donna.
Una differenza notevole e non solo nei “toni”.

Tra l’altro, in modo a volte inconscio, chi legge (o, in caso di discorso, chi ascolta) si predispone in modo diverso a seconda del genere dell’autore che scrive (o che parla).
Il genere di chi firma/pronuncia influenza in partenza la ricezione del testo.

La stessa identica frase, cioè, può caricarsi di significati e reazioni emotive differenti a seconda se a “scriverla” è un uomo o una donna.

Ad esempio, l’incipit del mio post precedente a questo, sarebbe letto e percepito in modo completamente differente se fosse pubblicato su un blog di una scrittrice. 

Esiste un mondo, una “bolla” (come direbbero quelli bravi), popolato da perfette cretine.
È il mondo nel quale una donna, per il solo fatto di essere donna, è una principessa e/o una fatina buona priva di qualsiasi difetto e cattiveria.
Perfetta in quanto donna.

Credo di non sbagliare nel dire che quelle frasi, se lette sul blog di una donna, sarebbero caricate dal lettore di aspettative (come ad esempio quella del fare autocritica) ora del tutto assenti in quanto consapevoli trattarsi di un testo pubblicato da un uomo.

Inevitabilmente il testo è sessuato e bisogna tenerne conto.

Commenti

Post più letti durante la settimana

Il vizietto

Non so dire quante volte ho visto Il vizietto per la regia di Édouard Molinaro con Michel Serrault e Ugo Tognazzi. Trovo sia un vero capolavoro della cinematografia, ma fino a questa mattina non ne avevo mai fatto una recensione. Su Parole GLBT ho scritto la mia sul film.

Il mondo delle perfette cretine

Esiste un mondo, una “bolla” (come direbbero quelli bravi), popolato da perfette cretine.
È il mondo nel quale una donna, per il solo fatto di essere donna, è una principessa e/o una fatina buona priva di qualsiasi difetto e cattiveria. Perfetta in quanto donna.
È il mondo nel quale le donne, mentre si laccano le unghie parlando al telefono con le amiche, si lodano perché si riconoscono in grado di fare due cose contemporaneamente (ossia, appunto, laccarsi le unghie e parlare al telefono).
È il mondo in cui vengono bandite le parole “violente” dell’anatomia e sostituite con quelle tranquillizzanti della fanciullezza.  Un mondo in cui, quindi, risuonano leggiadre parole come “farfallina”, “patatina” e “passerina”.
Un mondo in cui non si entra mai nel merito delle cose, ma si preferisce liquidare le critiche accusando l’autore delle stesse di essere “misogino”, “violento”, “irrisolto”, “maschilista”, “brutale”... Un mondo, quindi, in cui la realtà dei fatti è bandita. E questo perché, se si ent…

La rispettabilità genera "doppi" | AMLETO

Ci sono romanzi talmente famosi che i loro titoli entrano, addirittura, nel linguaggio comune e le cui storie sono tanto note che si può avere la sensazione di averli già letti.
Uno di tali romanzi è sicuramente Lo strano caso del dottor Jekyll e del signor Hyde di Robert Louis Stevenson che ieri ho letto e oggi recensito su AMLETO.