Passa ai contenuti principali

Le 4 fasi per confezionare un contenuto

Lo ammetto: solo qualche anno fa avrei considerato superfluo scrivere le righe che seguono.
Oggi no.
Oggi scriverle lo ritengo essenziale, dato ciò che si legge sui social e perfino in libreria.
Non parlo di contenuti, no, ovviamente no.
Mi riferisco a come tali contenuti sono “confezionati”.

Per offrire al mio lettore un prodotto di qualità, ho sempre seguito un percorso in 4 punti: Progetto | Redigo | Revisiono | Pubblico.

1. Progetto
Un testo io lo Progetto.
Intendo dire che, quando sento la necessità di comunicare qualcosa, penso sempre a come farlo, potendo, ad esempio, scegliere tra un tweet, un post sul blog o un testo molto più articolato, magari da diffondere tramite una pubblicazione autonoma. 
Ma posso anche optare per un’immagine o un video che, in certe condizioni, considero “testi” a tutti gli effetti.

Questa è anche la fase dell’eventuale ricerca di ulteriore documentazione per avere il quadro della situazione il più possibile aggiornato e veritiero.

2. Redigo
Scelto il modo con cui veicolare il contenuto, esso va redatto.
Qui entrano in gioco le competenze linguistiche e la capacità di adattarsi al medium utilizzato.

L’uso dell’italiano corretto, poi, mi sembra doveroso, al di là del registro linguistico che scelgo di adottare.

In questa fase, inoltre, verifico la documentazione in mio possesso prima di citarla.

3. Revisiono
La fretta è una cattiva consigliera e l’urgenza di comunicare può portare a una divulgazione del contenuto appena lo si è sfornato.
Io mi prendo sempre un po’ di tempo per rileggere, cancellare, correggere, integrare.
A volte basta poco per rendere i nostri messaggi più chiari e gradevoli.

4. Pubblico
Quando mi sento soddisfatto del risultato e ritengo di aver detto ciò che volevo in modo corretto e comprensibile, allora passo alla pubblicazione e alla diffusione/pubblicizzazione del risultato.

Nel mentre, faccio l’ultima revisione…

Infine, una volta reso pubblico il contenuto, non mi resta che mettermi in ascolto delle reazioni.

Commenti