Passa ai contenuti principali

Perché ho tolto gli spot di Google dai miei siti

AGGIORNAMENTO DEL 5.2.19

Dopo un anno di sperimentazione, ho deciso di reinserire le inserzioni pubblicitarie di Google Adsense nei miei siti.
Ho scelto un tipo di inserimento pubblicitario che non dovrebbe distrarre il lettore dalla fruizione dei contenuti.
Dovessi accorgermi che infastidiscono, faccio sempre a tempo a toglierli di nuovo!
________________
Nei giorni scorsi ho tolto da tutti i miei siti le inserzioni pubblicitarie di Google AdSense.
Per chi non lo sapesse, ricordo - usando le parole di Wikipedia - che 

AdSense è un servizio di banner pubblicitari offerto da Google. 
Con AdSense è possibile pubblicare annunci pubblicitari sul proprio sito web, guadagnando in base al numero di esposizioni dell'annuncio pubblicitario (impression) o click sugli annunci.

Specifico che la mia scelta di togliere gli spot dai siti non è stata determinata da un mancato ricavo.
A spingermi a rinunciare ai banner di Google AdSense sono stati soprattutto due motivi:
  1. la volontà di facilitare la concentrazione sui contenuti che creo da parte di chi li fruisce; e
  2. la consapevolezza di creare dei contenuti ricercati solo da piccole nicchie di fruitori.


Per quanto attiene al primo punto, va detto che i banner pubblicitari - grazie a un’accurata profilazione dei soggetti che usano il Web - sono sempre più mirati e, quindi, diventa sempre più difficile ignorarli e concentrarsi sui contenuti.
Ma che senso ha faticare a pensare contenuti di un certo livello se, poi, non se ne facilita la corretta fruizione, ma, anzi, la si disturba con dei banner pubblicitari aggressivi?

Per quel che riguarda il secondo punto, invece, devo ammettere che considererei tempo sprecato quello passato a rincorrere i potenziali visitatori sparsi qui e là nel Web per portarli sulle mie pagine, al fine di aumentare impression e click sugli annunci. Questo perché non pubblico pensando a quanti click farà il mio contenuto, ma alle riflessioni che può generare.
In altre parole, non mi interessano i click, ma il confronto e il dialogo.

Ovviamente, non disprezzo affatto la possibilità di guadagnare con i contenuti che creo, anzi! 
Quindi, quanti si sentono generosi e ne hanno la possibilità e la volontà, possono farmi una donazione (anche minima) tramite PayPal.


Commenti

Post più letti

Parla Egisto: ho scelto!

Qualche giorno fa, correggendo il mio Parla Egisto, ero in dubbio se farne un libro, oppure pubblicarlo online a puntate, come se si trattasse di un blog (leggi). Non riuscivo a scegliere quale soluzione adottare, poi ho capito che la scelta giusta era, comunque, pubblicarlo. Ecco, allora che, da oggi, Parla Egisto è sia un libro cartaceo, sia un ebook.

Parla Egisto è disponibile su Amazon.it

Lavapiubianco

Pubblicato per la prima volta nel 1998 dalle Edizioni dell’Ariete di Siracusa, Lavapiubianco è il mio primo romanzo che, nel 2009, ho ripubblicato con Lulu.com sia in forma cartacea, sia come ebook.

Il romanzo narra la storia d'amore del protagonista per Lavapiubianco, una passione travolgente che non conosce ostacoli o barriere di sorta.




ORDINA IL LIBRO
Dalla rassegna stampa
ALESSANDRO RIZZO, in «Milk», 12 gennaio 2014.
6. A chi ha voluto rivolgersi Danilo Ruocco con “Lavapiubianco”? A tutti, ma soprattutto a quanti sono chiusi in una gabbia o si nascondono agli altri e a se stessi. Liberatevi e vivete in prima persona. Senza maschere e senza nascondervi. Vivete con il vostro nome e cognome. Siate la vostra Identità (con la I maiuscola).
ENRICO PROSERPIO, in «Culturaperta», 17 novembre 2009. "Lavapiubianco è un libro la cui narrazione veloce è zeppa di sessualità senza mai essere volgare. Il sesso, assolutamente libero e mercificato nella nuova società, diventa un mezzo di presa di …

Una app Android per Danilo Ruocco

Se hai uno smartphone e/o un tablet Android e vuoi ricevere in automatico sul tuo dispositivo gli ultimi post dei blog Danilo Ruocco 2.0 e Spazio Ruocco ti potrebbe essere utile la app che metto a disposizione gratuitamente. Si tratta di un lettore di feed che puoi liberamente configurare secondo le tue esigenze. Una volta scaricata la app, per installarla ti ricordo che, sul tuo device Android, nelle Impostazioni/Protezione devi mettere un flag accanto a “Origini sconosciute” (che puoi togliere subito dopo che l’installazione è riuscita). Al primo avvio, la app scarica gli articoli disponibili. Poi, ogni volta che viene pubblicato un post in uno dei due blog, la app lo scaricherà in automatico e un messaggio ti segnalerà l’avvenuto aggiornamento.
______
Ultimo aggiornamento app: 07.10.18