Passa ai contenuti principali

Educare il gusto | Il ruolo della critica

Penso che il gusto estetico vada educato costantemente.
Per sgrossare il gusto bisogna leggere, guardare, ascoltare, indirizzando le proprie scelte verso opere pensate per un pubblico colto e raffinato.
Ovviamente, tutte le opere di rilievo hanno più di un livello di “lettura” e ogni fruitore comprende un’opera e la gusta, “facendola sua”, in base alla propria preparazione culturale.
E, naturalmente, più la preparazione culturale del fruitore è elevata, maggiore è la sua capacità di capire l’opera e “appropriarsene” o “rifiutarla”.
Un fruitore colto, diversamente da quello impreparato, è in grado di penetrare l’opera, andando ben al di là di una esperienza superficiale che, il più delle volte, non va oltre una reazione emotiva e, quindi, irrazionale.

Ovviamente, la crescita personale del fruitore gli permette di ritornare periodicamente sui propri giudizi a distanza di anni, per rivederli e/o perfezionarli (la qual cosa, in genere, non significa ribaltare il giudizio, anche se ciò è sempre possibile).
Infatti, ciò che quel fruitore aveva compreso di un’opera una decina di anni prima, sarà diverso da quello che può gustare con dieci anni di conoscenza approfondita in più nella propria “borsa degli attrezzi”.
Ecco, perché, arrivati a una certa età, diventa quasi necessario riaccostarsi a certi capolavori, per rileggerli con occhi diversi.

Si è detto che si raffina il gusto attraverso la fruizione di opere pensate per un pubblico colto.
Si potrebbe obiettare, però, che il gusto si sgrossa indipendentemente dal destinatario principale per cui l’opera è stata pensata.
In realtà, personalmente ritengo che un’opera pensata per un pubblico grossolano, difficilmente potrà avere un’azione positiva nel raffinare il gusto di chi la fruisce, a meno che non la si assuma come pietra di paragone negativa.

Si potrebbe anche pensare, poi, che ci siano creatori che non individuano un fruitore privilegiato mentre realizzano la propria opera.
Personalmente, non credo che ciò sia possibile, in quanto si crea sempre pensando a un fruitore determinato che possa apprezzare e capire ciò a cui si è data la luce.

Ci si potrebbe, ora, chiedere chi può indirizzare quei fruitori desiderosi di affinare il proprio gusto verso le opere degne di essere viste.
La risposta è ovvia: le persone competenti, preparate e oneste intellettualmente che, abitualmente, esercitano la critica.
I loro giudizi vanno letti con attenzione e rispetto, la qual cosa, ovviamente, non significa affatto che vadano accettati in toto e senza senso critico.
Sono convinto, infatti, che il ruolo principale della critica sia proprio quello di indirizzare il gusto ed educarlo. 
Ma, anche, stimolare la curiosità e il senso critico di quanti si affidano al critico.
E, infine, aiutare il fruitore a entrare in sintonia con l’opera, accompagnando la sua esperienza culturale.

Commenti

Post più letti

Parla Egisto: ho scelto!

Qualche giorno fa, correggendo il mio Parla Egisto, ero in dubbio se farne un libro, oppure pubblicarlo online a puntate, come se si trattasse di un blog (leggi). Non riuscivo a scegliere quale soluzione adottare, poi ho capito che la scelta giusta era, comunque, pubblicarlo. Ecco, allora che, da oggi, Parla Egisto è sia un libro cartaceo, sia un ebook.

Parla Egisto è disponibile su Amazon.it

Lavapiubianco

Pubblicato per la prima volta nel 1998 dalle Edizioni dell’Ariete di Siracusa, Lavapiubianco è il mio primo romanzo che, nel 2009, ho ripubblicato con Lulu.com sia in forma cartacea, sia come ebook.

Il romanzo narra la storia d'amore del protagonista per Lavapiubianco, una passione travolgente che non conosce ostacoli o barriere di sorta.




ORDINA IL LIBRO
Dalla rassegna stampa
ALESSANDRO RIZZO, in «Milk», 12 gennaio 2014.
6. A chi ha voluto rivolgersi Danilo Ruocco con “Lavapiubianco”? A tutti, ma soprattutto a quanti sono chiusi in una gabbia o si nascondono agli altri e a se stessi. Liberatevi e vivete in prima persona. Senza maschere e senza nascondervi. Vivete con il vostro nome e cognome. Siate la vostra Identità (con la I maiuscola).
ENRICO PROSERPIO, in «Culturaperta», 17 novembre 2009. "Lavapiubianco è un libro la cui narrazione veloce è zeppa di sessualità senza mai essere volgare. Il sesso, assolutamente libero e mercificato nella nuova società, diventa un mezzo di presa di …

Una app Android per Danilo Ruocco

Se hai uno smartphone e/o un tablet Android e vuoi ricevere in automatico sul tuo dispositivo gli ultimi post dei blog Danilo Ruocco 2.0 e Spazio Ruocco ti potrebbe essere utile la app che metto a disposizione gratuitamente. Si tratta di un lettore di feed che puoi liberamente configurare secondo le tue esigenze. Una volta scaricata la app, per installarla ti ricordo che, sul tuo device Android, nelle Impostazioni/Protezione devi mettere un flag accanto a “Origini sconosciute” (che puoi togliere subito dopo che l’installazione è riuscita). Al primo avvio, la app scarica gli articoli disponibili. Poi, ogni volta che viene pubblicato un post in uno dei due blog, la app lo scaricherà in automatico e un messaggio ti segnalerà l’avvenuto aggiornamento.
______
Ultimo aggiornamento app: 07.10.18