Passa ai contenuti principali

Ecco perché votare NO al referendum di Maroni

Il 22 ottobre prossimo, in quanto residente in Lombardia, sarò chiamato a esprimere un voto al referendum consultivo indetto da Roberto Maroni.
Il testo del quesito referendario è leggibile sul sito della Regione Lombardia ed è il seguente:

Volete voi che la Regione Lombardia, in considerazione della sua specialità, nel quadro dell’unità nazionale, intraprenda le iniziative istituzionali necessarie per richiedere allo Stato l’attribuzione di ulteriori forme e condizioni particolari di autonomia, con le relative risorse, ai sensi e per gli effetti di cui all'articolo 116, terzo comma, della Costituzione e con riferimento a ogni materia legislativa per cui tale procedimento sia ammesso in base all’articolo richiamato?

Una domanda che sembra semplice semplice, se non fosse che il richiamo all’articolo 116 della Costituzione italiana, comma 3, a molti (me per primo) non dice granché.

Ecco, allora, che sono andato a leggere quel comma. Esso recita:
Ulteriori forme e condizioni particolari di autonomia, concernenti le materie di cui al terzo comma dell’articolo 117 e le materie indicate dal secondo comma del medesimo articolo alle lettere l), limitatamente all'organizzazione della giustizia di pace, n) e s), possono essere attribuite ad altre Regioni, con legge dello Stato, su iniziativa della Regione interessata, sentiti gli enti locali, nel rispetto dei principi di cui all'articolo 119. La legge è approvata dalle Camere a maggioranza assoluta dei componenti, sulla base di intesa fra lo Stato e la Regione interessata.”

Bene, la Costituzione ammette che le Regioni possano chiedere maggiore autonomia in alcuni campi a patto di avere le capacità finanziarie (il richiamo all’art. 119 sottintende proprio questo). 
Le materie su cui si può richiedere maggiori autonomia sono molteplici e al terzo comma dell’art. 117 sono definite “materie di legislazione concorrente” tra lo Stato e, appunto, le Regioni. 
Va però sottolineato che l’art. 116 ammette che possano essere oggetto di maggiore autonomia decisionale anche alcune delle materie che ora sono di “legislazione esclusiva” dello Stato; e cioè:
“l) giurisdizione e norme processuali; ordinamento civile e penale; giustizia amministrativa <”limitatamente all’organizzazione della giustizia di pace”>;
n) norme generali sull’istruzione;
s) tutela dell’ambiente, dell’ecosistema e dei beni culturali.”

Ecco, la lettura di tali ultimi casi per i quali si può richiedere maggiore autonomia regionale, mi ha fatto subito capire che al referendum consultivo voterò convintamente NO.

NO perché chi attualmente governa la Lombardia non è, a mio avviso, in grado di tutelare le minoranze e la tutela delle minoranze e la difesa dei diritti civili è la base da cui partire per (ri)scrivere norme giuridiche e processuali; nonché dettare i programmi scolastici o tutelare i beni culturali (sì, anche la tutela dei beni culturali deve tenere conto delle minoranze, altrimenti si rischia di considerare bene culturale solo ciò che è stato prodotto per compiacere i potenti di turno).

Ritengo che i diritti civili e la tutela delle minoranze siano alla base della vera Democrazia e sono convinto che consentire a quanti non si battono per essi di riscrivere alcune norme sia estremamente pericoloso.

Commenti

Post più letti

Parla Egisto: ho scelto!

Qualche giorno fa, correggendo il mio Parla Egisto, ero in dubbio se farne un libro, oppure pubblicarlo online a puntate, come se si trattasse di un blog (leggi). Non riuscivo a scegliere quale soluzione adottare, poi ho capito che la scelta giusta era, comunque, pubblicarlo. Ecco, allora che, da oggi, Parla Egisto è sia un libro cartaceo, sia un ebook.

Parla Egisto è disponibile su Amazon.it

Lavapiubianco

Pubblicato per la prima volta nel 1998 dalle Edizioni dell’Ariete di Siracusa, Lavapiubianco è il mio primo romanzo che, nel 2009, ho ripubblicato con Lulu.com sia in forma cartacea, sia come ebook.

Il romanzo narra la storia d'amore del protagonista per Lavapiubianco, una passione travolgente che non conosce ostacoli o barriere di sorta.




ORDINA IL LIBRO
Dalla rassegna stampa
ALESSANDRO RIZZO, in «Milk», 12 gennaio 2014.
6. A chi ha voluto rivolgersi Danilo Ruocco con “Lavapiubianco”? A tutti, ma soprattutto a quanti sono chiusi in una gabbia o si nascondono agli altri e a se stessi. Liberatevi e vivete in prima persona. Senza maschere e senza nascondervi. Vivete con il vostro nome e cognome. Siate la vostra Identità (con la I maiuscola).
ENRICO PROSERPIO, in «Culturaperta», 17 novembre 2009. "Lavapiubianco è un libro la cui narrazione veloce è zeppa di sessualità senza mai essere volgare. Il sesso, assolutamente libero e mercificato nella nuova società, diventa un mezzo di presa di …

Una app Android per Danilo Ruocco

Se hai uno smartphone e/o un tablet Android e vuoi ricevere in automatico sul tuo dispositivo gli ultimi post dei blog Danilo Ruocco 2.0 e Spazio Ruocco ti potrebbe essere utile la app che metto a disposizione gratuitamente. Si tratta di un lettore di feed che puoi liberamente configurare secondo le tue esigenze. Una volta scaricata la app, per installarla ti ricordo che, sul tuo device Android, nelle Impostazioni/Protezione devi mettere un flag accanto a “Origini sconosciute” (che puoi togliere subito dopo che l’installazione è riuscita). Al primo avvio, la app scarica gli articoli disponibili. Poi, ogni volta che viene pubblicato un post in uno dei due blog, la app lo scaricherà in automatico e un messaggio ti segnalerà l’avvenuto aggiornamento.
______
Ultimo aggiornamento app: 07.10.18