Passa ai contenuti principali

Difficile anche quando è semplice

Il cartello nella foto qui a fianco si trova all'interno di una grande e moderna struttura sanitaria, il nuovo ospedale di Bergamo.
Il cartello (un totem) indica la direzione da prendere per recarsi ai negozi presenti all'interno dell’ospedale.
Un elenco accompagnato da delle icone.

La presenza delle icone credo sia dovuta non a un’esigenza estetica/decorativa, ma a una volontà di essere espliciti nella comunicazione anche verso coloro che non comprendono bene la lingua italiana e, in un ospedale, per vari motivi, sono tante le persone che non la afferrano appieno.
Dunque, ben venga l’uso di icone chiare che semplificano ulteriormente un messaggio già di per sé semplice.

Eppure, chi ha confezionato il cartello ha deciso che accanto alle parole “bar” e “ristorante” non fosse necessario mettere delle icone.
Non si crede non ne abbia trovate di semplici e facilmente comprensibili da abbinare, in quanto una tazzina di caffè fumante per il bar e coltello e forchetta per il ristorante sarebbero state più che sufficienti...

Il perché le due parole non siano accompagnate da delle icone non si spiega neppure qualora la scelta di abbinare icone e testo fosse stata dettata da una esigenza decorativa…

Il caso specifico rende bene l'idea di quanto quello della comunicazione sia un mestiere difficile anche quando vanno comunicati messaggi assai semplici.

Non si contano, ad esempio, volantini pubblicitari di iniziative in cui mancano dati essenziali come numeri di telefono o siti web da cui recuperare altre informazioni o per mezzo dei quali prenotare; gli orari di inizio e di fine della manifestazione; l’indicazione dell’eventuale inaccessibilità del luogo da parte di persone portatrici di handicap…

Spesso tali mancanze sono dovute al fatto che chi confeziona i messaggi non ha ben presente la regola fondamentale della comunicazione: è il mittente del messaggio che ha la responsabilità di trasmettere un messaggio chiaro e completo senza costringere il destinatario del medesimo a esercizi interpretativi!

Una regola che sembra di semplice attuazione, ma che, evidentemente, dà del filo da torcere a molti…

Commenti

Post più letti durante la settimana

Il mondo delle perfette cretine

Esiste un mondo, una “bolla” (come direbbero quelli bravi), popolato da perfette cretine.
È il mondo nel quale una donna, per il solo fatto di essere donna, è una principessa e/o una fatina buona priva di qualsiasi difetto e cattiveria. Perfetta in quanto donna.
È il mondo nel quale le donne, mentre si laccano le unghie parlando al telefono con le amiche, si lodano perché si riconoscono in grado di fare due cose contemporaneamente (ossia, appunto, laccarsi le unghie e parlare al telefono).
È il mondo in cui vengono bandite le parole “violente” dell’anatomia e sostituite con quelle tranquillizzanti della fanciullezza.  Un mondo in cui, quindi, risuonano leggiadre parole come “farfallina”, “patatina” e “passerina”.
Un mondo in cui non si entra mai nel merito delle cose, ma si preferisce liquidare le critiche accusando l’autore delle stesse di essere “misogino”, “violento”, “irrisolto”, “maschilista”, “brutale”... Un mondo, quindi, in cui la realtà dei fatti è bandita. E questo perché, se si ent…

La rispettabilità genera "doppi" | AMLETO

Ci sono romanzi talmente famosi che i loro titoli entrano, addirittura, nel linguaggio comune e le cui storie sono tanto note che si può avere la sensazione di averli già letti.
Uno di tali romanzi è sicuramente Lo strano caso del dottor Jekyll e del signor Hyde di Robert Louis Stevenson che ieri ho letto e oggi recensito su AMLETO.

Gli occhiali d'oro di Bassani

La prima volta che ho letto Gli occhiali d'oro di Giorgio Bassani ero un ragazzo: avevo 18 anni ed ero stato spinto alla lettura del romanzo dall'uscita del film di Giuliano Montalto.
Ho riletto il libro e l'ho - nuovamente - trovato un capolavoro assoluto. Ne ho scritto su Parole GLBT.
Credo che prossimamente rivedrò pure il film...