Passa ai contenuti principali

Internet e i Diritti

Il mondo nella rete. Quali i diritti, quali i vincoli edito da Laterza e la Repubblica è un libretto assai interessante che presenta al pubblico un saggio di Stefano Rodotà (tratto dal suo Il diritto di avere diritti); interviste a Edward Snowden, Thomas Drake e Bill Binney, Vint Cerf, John Young; alcune tabelle riportanti gli ultimi dati sulla presenza delle persone nella Rete, il suo potenziale commerciale, il suo livello di libertà…; e una cronologia a cura di Ernesto Assante.

Nel libretto si mette in guardia quanti ancora ingenuamente sostengono che la Rete è del tutto in grado di autogovernarsi, senza bisogno che per essa siano previsti dei diritti o delle regole pensate anche da soggetti esterni, nazionali e sovranazionali (come, ad esempio, l’ONU).
Costoro sembrano non rendersi conto che, ad esempio, miliardi di dati relativi alle abitudini dei navigatori sono gestiti da soggetti privati, quali ad esempio Google e Facebook, che li adoperano come meglio credono e a fini di “profilazione”, trasformando di fatto il Web da loro gestito in una gigantesca piattaforma commerciale di cui sono i proprietari a tutti gli effetti e in cui detengono ogni potere, anche, volendo, quello censorio.
Vero è che nessun navigatore è costretto ad affidarsi a tali soggetti privati per stare in Rete, ma diventa difficile, a chi scrive, pensare di navigare nel Web senza interrogare un motore di ricerca o condividere le proprie passioni con gli amici su un social network…

Servono, quindi, diritti a favore dei navigatori (dei cittadini della Rete e del mondo). Diritti che ne tutelino l’accesso (e il diritto di attingere alla conoscenza, come di produrne di nuova); la privacy (a dispetto della volontà di profilazione dei grandi colossi del Web e di certi Stati sovrani che, a volte, supera ogni ragionevolezza); la libertà di opinioni; la sicurezza di non essere discriminati (ciò che viene definita “neutralità”); l’anonimato
Avverte, giustamente, Rodotà che l’entrata in Rete «non può essere accompagnata da una perdita di diritti, che porta a considerare la persona come “vittima consapevole”, perché sua è la decisione di collocarsi in quella dimensione», specie ora che «Lo stare in rete appartiene ormai alla cittadinanza, e contribuisce a determinarne i caratteri».

Servono, dunque, garanzie costituzionali che tutelino i diritti e pongano dei vincoli ai grandi attori internazionali, siano essi Stati nazionali o soggetti privati, in modo che il Web resti una democrazia, uno spazio di libertà e non si trasformi in una dittatura in cui ognuno è sorvegliato e profilato sia a fini di sicurezza nazionale, sia a fini commerciali.

E, a tale proposito, i 560 scrittori e intellettuali che, dopo lo scandalo del Datagate svelato da Snowden, hanno firmato un appello contro i sistemi di sorveglianza, ricordano che «Una persona sotto sorveglianza non è più libera; una società sotto sorveglianza non è più una democrazia».

Il mondo nella rete. Quali i diritti, quali i vincoli è disponibile su Amazon.it

Commenti

Post più letti

Parla Egisto: ho scelto!

Qualche giorno fa, correggendo il mio Parla Egisto, ero in dubbio se farne un libro, oppure pubblicarlo online a puntate, come se si trattasse di un blog (leggi). Non riuscivo a scegliere quale soluzione adottare, poi ho capito che la scelta giusta era, comunque, pubblicarlo. Ecco, allora che, da oggi, Parla Egisto è sia un libro cartaceo, sia un ebook.

Parla Egisto è disponibile su Amazon.it

Lavapiubianco

Pubblicato per la prima volta nel 1998 dalle Edizioni dell’Ariete di Siracusa, Lavapiubianco è il mio primo romanzo che, nel 2009, ho ripubblicato con Lulu.com sia in forma cartacea, sia come ebook.

Il romanzo narra la storia d'amore del protagonista per Lavapiubianco, una passione travolgente che non conosce ostacoli o barriere di sorta.




ORDINA IL LIBRO
Dalla rassegna stampa
ALESSANDRO RIZZO, in «Milk», 12 gennaio 2014.
6. A chi ha voluto rivolgersi Danilo Ruocco con “Lavapiubianco”? A tutti, ma soprattutto a quanti sono chiusi in una gabbia o si nascondono agli altri e a se stessi. Liberatevi e vivete in prima persona. Senza maschere e senza nascondervi. Vivete con il vostro nome e cognome. Siate la vostra Identità (con la I maiuscola).
ENRICO PROSERPIO, in «Culturaperta», 17 novembre 2009. "Lavapiubianco è un libro la cui narrazione veloce è zeppa di sessualità senza mai essere volgare. Il sesso, assolutamente libero e mercificato nella nuova società, diventa un mezzo di presa di …

Una app Android per Danilo Ruocco

Se hai uno smartphone e/o un tablet Android e vuoi ricevere in automatico sul tuo dispositivo gli ultimi post dei blog Danilo Ruocco 2.0 e Spazio Ruocco ti potrebbe essere utile la app che metto a disposizione gratuitamente. Si tratta di un lettore di feed che puoi liberamente configurare secondo le tue esigenze. Una volta scaricata la app, per installarla ti ricordo che, sul tuo device Android, nelle Impostazioni/Protezione devi mettere un flag accanto a “Origini sconosciute” (che puoi togliere subito dopo che l’installazione è riuscita). Al primo avvio, la app scarica gli articoli disponibili. Poi, ogni volta che viene pubblicato un post in uno dei due blog, la app lo scaricherà in automatico e un messaggio ti segnalerà l’avvenuto aggiornamento.
______
Ultimo aggiornamento app: 07.10.18