Passa ai contenuti principali

Chi legge tra le righe legge un testo tutto suo

Parmigianino (attribuito),
Uomo che sospende la lettura
Chi legge tra le righe legge un testo tutto suo.
Diverse persone affermano di saper “leggere tra le righe” di quanto scritto.
Ovviamente, saper leggere tra le righe è importante laddove lo scritto lo richieda, ma le persone che si vantano di saperlo fare, spesso esagerano e “leggono tra le righe” anche testi (e sono la maggioranza) che vanno letti senza ricercare in essi sottintesi o “significati altri”.
Alle persone maniache della “lettura tra le righe” verrebbe voglia di far notare che tra una riga e l’altra c’è solo dello spazio bianco!
Ritengo che “leggere tra le righe” (metaforicamente parlando) qualunque scritto, sia un modo molto comodo per leggere quello che si vuole... nonostante e/o a dispetto proprio di quello che è stato scritto.
Ovviamente, per “leggere tra le righe” gli “specialisti in materia” hanno la capacità stupefacente di ignorare il significato reale delle parole: esse diventano fluttuanti e assumono, di volta in volta, il significato che ai loro interpreti fa più comodo dare in un preciso istante.
Ovviamente, gli addicted della “lettura tra le righe”, intuiscono sottintesi anche laddove sottintesi non ci sono. E sono perfettamente in grado di trasformare uno scritto privo di metafore in una... favola.
Chissà che cose meravigliose potrebbero scoprire tali “lettori tra le righe” se iniziassero a leggere quanto effettivamente scritto!

Commenti

  1. Bella riflessione, Danilo! Posso aggiungere che la scuola dei "lettori tra le righe" comprende anche gli adepti della teoria del complotto, che dietro a moti fatti vedono sempre una strategia occulta. È anche vero che, tuttavia, bisogna saper tenere il nostro cervello ben allenato e sveglio, e saper cogliere, all'occorrenza, anche i messaggi nascosti nel sottotesto. L'importante è stare sempre in equilibrio, non procedendo secondo un'ideologia o una controideologia, am esercitando la nostra sacrosanta libertà di pensiero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mantenere l'equilibrio sembra facile, ma non lo è e il rischio di cadere è sempre in agguato... :-)
      Grazie per il commento.

      Elimina

Posta un commento

Post più letti durante la settimana

Il mondo delle perfette cretine

Esiste un mondo, una “bolla” (come direbbero quelli bravi), popolato da perfette cretine.
È il mondo nel quale una donna, per il solo fatto di essere donna, è una principessa e/o una fatina buona priva di qualsiasi difetto e cattiveria. Perfetta in quanto donna.
È il mondo nel quale le donne, mentre si laccano le unghie parlando al telefono con le amiche, si lodano perché si riconoscono in grado di fare due cose contemporaneamente (ossia, appunto, laccarsi le unghie e parlare al telefono).
È il mondo in cui vengono bandite le parole “violente” dell’anatomia e sostituite con quelle tranquillizzanti della fanciullezza.  Un mondo in cui, quindi, risuonano leggiadre parole come “farfallina”, “patatina” e “passerina”.
Un mondo in cui non si entra mai nel merito delle cose, ma si preferisce liquidare le critiche accusando l’autore delle stesse di essere “misogino”, “violento”, “irrisolto”, “maschilista”, “brutale”... Un mondo, quindi, in cui la realtà dei fatti è bandita. E questo perché, se si ent…

La rispettabilità genera "doppi" | AMLETO

Ci sono romanzi talmente famosi che i loro titoli entrano, addirittura, nel linguaggio comune e le cui storie sono tanto note che si può avere la sensazione di averli già letti.
Uno di tali romanzi è sicuramente Lo strano caso del dottor Jekyll e del signor Hyde di Robert Louis Stevenson che ieri ho letto e oggi recensito su AMLETO.

Gli occhiali d'oro di Bassani

La prima volta che ho letto Gli occhiali d'oro di Giorgio Bassani ero un ragazzo: avevo 18 anni ed ero stato spinto alla lettura del romanzo dall'uscita del film di Giuliano Montalto.
Ho riletto il libro e l'ho - nuovamente - trovato un capolavoro assoluto. Ne ho scritto su Parole GLBT.
Credo che prossimamente rivedrò pure il film...