Passa ai contenuti principali

Facebook batte Blog tre a zero

Sono solito segnalare i contenuti che pubblico sui miei blog tramite un link ad essi sul mio profilo di Facebook.

Così facendo, ho notato che i miei contatti di Facebook preferiscono commentare direttamente su Fb, piuttosto che sul blog dove il contenuto è stato pubblicato.

Mi sono chiesto il perché.

Ho provato a dare le seguenti risposte:

  • Su FB non bisogna autenticarsi ogni volta. Invece, quando si lascia un commento su un qualsiasi blog, bisogna sempre svolgere un’azione di convalida/autenticazione. Con Fb no: essa viene attuata all'accesso. Ciò è sicuramente più pratico.

  • Quando si commenta su FB l’azione viene segnalata immediatamente anche sul profilo di chi ha commentato. “Tizio ha commentato lo scritto di Caio”. In tal modo, gli Amici di Tizio sono contemporaneamente informati sia del fatto che Tizio abbia commentato, sia del fatto che Caio abbia scritto. Ciò non succede con i blog: il commento di Tizio è segnalato solo nell'area commenti del post relativo, non dando a Tizio la stessa visibilità che, invece, gli dà FB.

  • FB avverte immediatamente Tizio che anche Sempronio ha lasciato un commento allo scritto di Caio. Ciò avviene anche su molte piattaforme blog, ma non su tutte. Inoltre, spesso per ricevere notifiche di altri commenti, bisogna aver segnalato alla piattaforma di volerle. Operazione che, a volte, fa perdere tempo (mi riferisco, ad esempio, al processo un po’ laborioso di Wordpress). Con FB la notifica è attiva automaticamente.

Già queste tre risposte mi hanno convinto che, a dispetto del fatto che un blog vive dei commenti dei lettori, i miei contatti di Facebook, in realtà, hanno ragione a preferire la via più comoda e vantaggiosa offerta loro dal social network.


Commenti

Post più letti durante la settimana

Tu sei

Mi concedo il lussodi sognarti,di sognarci.
Io sonoil maturo affidabile,l’usato ben tenuto.
E tu?Tu sei.

Sorrido alla Vita

Nell'agosto del 2000 ho avuto uno shock anafilattico e mi è stato detto che, nel giro di 10 minuti, sarei morto soffocato.  L’unica speranza per me, che, fino a quel momento, non sapevo di essere allergico a qualcosa, era che non fossi allergico anche al cortisone. Non lo sono ed eccomi qui.
Negli ultimi giorni un mio contatto su Facebook mi ha fatto notare che sorrido spesso. Gli ho risposto che la vita è già triste di suo ed è meglio non peggiorare le cose.
Ora vorrei aggiungere che io sorrido alla Vita. Sorrido con la consapevolezza profonda, radicata, che essa possa cessare in qualsiasi istante. Sorrido per la sua insensatezza. Sorrido perché i piccoli dispiaceri quotidiani non diventino, ai miei occhi, tragedie immani. Sorrido tentando di prendere il meglio da ciò che mi viene offerto. 
Mi difendo con un sorriso.
Leggi anche Dionisiaco

Letteratura GLBT

Recensioni a libri di narrativa che hanno per argomento tematiche e personaggi GLBT. 
A AaVv Claudio Finelli a cura di, Se stiamo insiemeAndré Aciman, Chiamami col tuo nomeAndré Aciman, CercamiGilbert Adair, The DreamersB Dorothy Baker, Cassandra al matrimonioYehoshua Bar-Yosef, Il mio amatoAnna Berra, L'ultima cerettaMatteo B. Bianchi, Tu Cher dalle stelleAlan Bennett, La cerimonia del massaggioAlan Bennett, Gli studenti di StoriaPhilippe Besson, Un amico di Marcel ProustPhilippe Besson, Un ragazzo italianoFrancesco Botti,Di corsa, di nascostoGyles Brandreth, Oscar Wilde e i delitti a lume di candelaFranco Buffoni, ZamelFranco Buffoni, Il servo di ByronWilliam Burroughs, Il pasto nudoC Andrea Camilleri, Il colore del soleAdolfo Caminha, Il negroTruman Capote, Colazione da TiffanyGandolfo Cascio, AdmetoLuis Cernuda, I piaceri proibitiStephen Chbosky,Ragazzo da pareteJean Cocteau, I ragazzi terribiliDennis Cooper, TroieIvan Cotroneo, Un bacioMichael Cunningham, Mr BrotherE Eve EnslerI…