Passa ai contenuti principali

Un pomeriggio senza connessioni

Oggi sono stato un intero pomeriggio senza cellulare e senza collegamento internet e non ho dato segni di squilibrio! Per uno come me che praticamente vive connesso è… un traguardo insperato: temevo di avere ormai sorpassato la soglia della dipendenza e di soffrire di astinenza di fronte a un black out tecnologico. Invece… 
Invece posso ancora passare un pomeriggio in un luogo dove non c’è il segnale del cellulare e dove non ci si può collegare a internet.
Certo, questa mattina avevo controllato la mia posta elettronica e navigato… oltre che parlato e inviato e letto sms! Cosa che ho potuto rifare abbondantemente questa sera…

Commenti

Post più letti durante la settimana

Come già sono

Conservo le foto che mi mandi: coprono la distanza, leniscono l’assenza.
Sei l’imprevisto che in silenzio attendevo;la giovane follia chemi emoziona.
Non sarò maicome mi sogni, perché mi vuoi come già sono.

La rispettabilità genera "doppi" | AMLETO

Ci sono romanzi talmente famosi che i loro titoli entrano, addirittura, nel linguaggio comune e le cui storie sono tanto note che si può avere la sensazione di averli già letti.
Uno di tali romanzi è sicuramente Lo strano caso del dottor Jekyll e del signor Hyde di Robert Louis Stevenson che ieri ho letto e oggi recensito su AMLETO.

Gli occhiali d'oro di Bassani

La prima volta che ho letto Gli occhiali d'oro di Giorgio Bassani ero un ragazzo: avevo 18 anni ed ero stato spinto alla lettura del romanzo dall'uscita del film di Giuliano Montalto.
Ho riletto il libro e l'ho - nuovamente - trovato un capolavoro assoluto. Ne ho scritto su Parole GLBT.
Credo che prossimamente rivedrò pure il film...