Passa ai contenuti principali

Se Google non indicizza...

Sono talmente abituato a fare ricerca in internet usando il motore di ricerca Google che, quando non vi trovo quello che cerco ci resto male...
Ieri cercavo delle fotografie di scena dello spettacolo Lolita per la regia di Luca Ronconi. Sono andato su Google e ho fatto la ricerca. Zero risultati. Ho provato digitando altre chiavi di ricerca, ma sempre ottenendo uno zero come risultato. Delusione. Leggero senso di spaesamento. "E ora?" mi sono chiesto.
Poi mi sono dato del coglio... e sono andato sul sito del Piccolo Teatro di Milano, per il quale lo spettacolo era stato realizzato. Ho scritto "Lolita" nel loro form di ricerca e... bingo!
Ergo: Google non sempre ti indicizza..

Commenti

Post più letti durante la settimana

Come già sono

Conservo le foto che mi mandi: coprono la distanza, leniscono l’assenza.
Sei l’imprevisto che in silenzio attendevo;la giovane follia chemi emoziona.
Non sarò maicome mi sogni, perché mi vuoi come già sono.

La rispettabilità genera "doppi" | AMLETO

Ci sono romanzi talmente famosi che i loro titoli entrano, addirittura, nel linguaggio comune e le cui storie sono tanto note che si può avere la sensazione di averli già letti.
Uno di tali romanzi è sicuramente Lo strano caso del dottor Jekyll e del signor Hyde di Robert Louis Stevenson che ieri ho letto e oggi recensito su AMLETO.

Gli occhiali d'oro di Bassani

La prima volta che ho letto Gli occhiali d'oro di Giorgio Bassani ero un ragazzo: avevo 18 anni ed ero stato spinto alla lettura del romanzo dall'uscita del film di Giuliano Montalto.
Ho riletto il libro e l'ho - nuovamente - trovato un capolavoro assoluto. Ne ho scritto su Parole GLBT.
Credo che prossimamente rivedrò pure il film...