Passa ai contenuti principali

La virtù del mezzo

Mi si chiede spesso perché, di tanto in tanto, apro un sito internet nuovo, invece di scrivere tutto in quelli che ho già.
La risposta è molto semplice e di banalità sconcertante: sono abituato, fin dai tempi delle scuole elementari (si chiamano ancora così?) a usare un quaderno diverso a seconda della materia

Lo stesso concetto lo applico nella Rete: a seconda del tema che voglio trattare, apro un sito. 

Ovvio che avrei anche potuto aprire un sito molto più generalista (e in qualche modo l’ho fatto), ma il rischio che corro è la dispersione mia e di chi mi legge. 
Molto più semplice e veloce è andare, invece, a cercare quel che serve nel “quaderno” dedicato.

Certo, ora va di moda copiare lo stile dei college americani e usare un solo quaderno per tutte le materie (e allora, vai di quadernone con fogli a righe, a quadretti e unruled), ma io sono della vecchia guardia e non riesco proprio ad adeguarmi.

Per la stessa ragione di cui sopra, tendo a non mischiare le carte neppure quando navigo sui siti degli altri (ce ne sono ancora, nonostante qualcuno mi accusi di avere “occupato” il web). 

Ecco, allora, che lascio commenti pertinenti al post (se il post merita un commento… e se mi trovo su un blog), oppure mando una e-mail al webmaster se voglio chiedere qualcosa in particolare su un argomento che ho trovato su un sito…
Insomma, tendo a non fare confusione.


La virtù del mezzo (Internet) è che i fogli del quaderno non finiscono mai… e neppure i quaderni!

Commenti

Post più letti durante la settimana

Tu sei

Mi concedo il lussodi sognarti,di sognarci.
Io sonoil maturo affidabile,l’usato ben tenuto.
E tu?Tu sei.

Sorrido alla Vita

Nell'agosto del 2000 ho avuto uno shock anafilattico e mi è stato detto che, nel giro di 10 minuti, sarei morto soffocato.  L’unica speranza per me, che, fino a quel momento, non sapevo di essere allergico a qualcosa, era che non fossi allergico anche al cortisone. Non lo sono ed eccomi qui.
Negli ultimi giorni un mio contatto su Facebook mi ha fatto notare che sorrido spesso. Gli ho risposto che la vita è già triste di suo ed è meglio non peggiorare le cose.
Ora vorrei aggiungere che io sorrido alla Vita. Sorrido con la consapevolezza profonda, radicata, che essa possa cessare in qualsiasi istante. Sorrido per la sua insensatezza. Sorrido perché i piccoli dispiaceri quotidiani non diventino, ai miei occhi, tragedie immani. Sorrido tentando di prendere il meglio da ciò che mi viene offerto. 
Mi difendo con un sorriso.
Leggi anche Dionisiaco

Letteratura GLBT

Recensioni a libri di narrativa che hanno per argomento tematiche e personaggi GLBT. 
A AaVv Claudio Finelli a cura di, Se stiamo insiemeAndré Aciman, Chiamami col tuo nomeAndré Aciman, CercamiGilbert Adair, The DreamersB Dorothy Baker, Cassandra al matrimonioYehoshua Bar-Yosef, Il mio amatoAnna Berra, L'ultima cerettaMatteo B. Bianchi, Tu Cher dalle stelleAlan Bennett, La cerimonia del massaggioAlan Bennett, Gli studenti di StoriaPhilippe Besson, Un amico di Marcel ProustPhilippe Besson, Un ragazzo italianoFrancesco Botti,Di corsa, di nascostoGyles Brandreth, Oscar Wilde e i delitti a lume di candelaFranco Buffoni, ZamelFranco Buffoni, Il servo di ByronWilliam Burroughs, Il pasto nudoC Andrea Camilleri, Il colore del soleAdolfo Caminha, Il negroTruman Capote, Colazione da TiffanyGandolfo Cascio, AdmetoLuis Cernuda, I piaceri proibitiStephen Chbosky,Ragazzo da pareteJean Cocteau, I ragazzi terribiliDennis Cooper, TroieIvan Cotroneo, Un bacioMichael Cunningham, Mr BrotherE Eve EnslerI…