Passa ai contenuti principali

La delazione

È tutta colpa mia, lo confesso. Ma giuro su quanto ho di più sacro e di più caro che non pensavo, che non volevo. Non so neppure io come spiegarvi. È successo tutto per caso, all’improvviso, così, senza dare neppure il tempo di capire, di riflettere, di farsene una ragione.

Erano ormai dieci giorni che non dormivo più: il suono del bongo mi teneva sveglio. Colpi secchi, ripetitivi, ossessivi, fino alle quattro del mattino. Insopportabile. Non capivo come facessero i miei vicini di casa a non lamentarsene. Io, sulle prime avevo pensato di scrivere un avviso da attaccare in ascensore, nel quale avrei fatto notare con ironia che non eravamo in piena savana e, quindi, il bongo andava suonato durante il giorno. Poi avevo riflettuto che una persona maleducata al punto da suonare in piena notte, sicuramente se ne sarebbe sbattuta alla grande del mio avviso. Allora avevo deciso di passare alla denuncia per schiamazzi. Ma ho abbandonato il proposito quasi nel momento stesso in cui l’ho formulato: figuriamoci se le forze dell’ordine si muovono per una denuncia per schiamazzi! Se non c’è di mezzo almeno un morto!... Ecco, allora, che mi si è affacciata alla mente l’idea della delazione; delazione con un’accusa infamante e falsa (ma questo lo avrei saputo solo io). Sì, la delazione anonima era la via da seguire. Ho indossato il cappotto e sono entrato nella cabina telefonica più vicino a casa. Tutto d’un fiato ho urlato nella cornetta che il nero che in via Garibaldi suona il bongo di notte è un pericoloso terrorista che trasmette messaggi in codice proprio martellando sul suo maledettissimo bongo di merda.

La retata è stata immediata. C’era anche la televisione. In TV il nero sembrava stupito che lo si arrestasse perché suonava il bongo. “Tornatene in Africa, beduino” ho pensato.

Tre giorni dopo, l’attentato. Il segnale convenuto era arrivato inequivocabile: infatti due notti di seguito senza il suono del bongo, in codice, significavano una cosa sola, ossia che la bomba nascosta nella scuola andava fatta esplodere.

Commenti

Post più letti durante la settimana

Come già sono

Conservo le foto che mi mandi: coprono la distanza, leniscono l’assenza.
Sei l’imprevisto che in silenzio attendevo;la giovane follia chemi emoziona.
Non sarò maicome mi sogni, perché mi vuoi come già sono.

La rispettabilità genera "doppi" | AMLETO

Ci sono romanzi talmente famosi che i loro titoli entrano, addirittura, nel linguaggio comune e le cui storie sono tanto note che si può avere la sensazione di averli già letti.
Uno di tali romanzi è sicuramente Lo strano caso del dottor Jekyll e del signor Hyde di Robert Louis Stevenson che ieri ho letto e oggi recensito su AMLETO.

Quando stavo per morire

Ho già scritto che sono stato a un passo dalla Morte: nell’agosto del 2000, mentre ero in vacanza in Calabria, ho avuto uno shock anafilattico e mi sono stati “annunciati” 10 minuti di vita.
La crisi si è manifestata all’improvviso: mi si è gonfiato parte del volto (in particolare il naso e la bocca) e ho iniziato ad avere dei crampi talmente forti da non riuscire a respirare.
La prima cosa che la dottoressa della Guardia medica ha voluto sapere (credo a causa delle convulsioni) era se fossi in crisi d’astinenza.Le ho risposto che non ero (e non sono tuttora) un tossicodipendente.
Allora ha capito (o ha avuto certezza) che si trattava di uno shock anafilattico.Mi ha chiesto se fossi allergico al cortisone, mia unica speranza di vita.Ho risposto che non sapevo neppure di essere allergico a qualcosa d’altro.
Mi ha detto che, se fossi stato allergico anche al cortisone, sarei morto; altrimenti, senza l’iniezione di cortisone, sarei morto soffocato entro dieci minuti.A me la scelta.Ho scelto…