Passa ai contenuti principali

Effetti collaterali

È proprio vero che per godere appieno dell’ordine e della pulizia si possono anche tollerare alcuni effetti collaterali dovuti a eventi imprevedibili.

L’altra sera stavo rientrando a casa dopo il coprifuoco: avevo cenato fuori con alcuni amici e non c’eravamo accorti che stavamo facendo davvero tardi. Quando il ristoratore ha annunciato che avrebbe chiuso di lì a poco, ci siamo alzati, ci siamo salutati e ognuno di noi ha preso la via di casa. Qualcuno mi ha chiesto se volevo un passaggio, ma io ho risposto che preferivo prendere una boccata d’aria.

Ero ormai giunto a uno o due chilometri dal condominio dove vivo che, a un certo punto, ho sentito un rumore inquietante. Ho alzato la testa e ho sondato il buio con lo sguardo. Davanti a me ho visto una donna che camminava nella mia direzione e dietro di lei ho distinto la sagoma del Meccano Ecologico. Ho riflettuto immediatamente che avevo avuto una giornata pesante e non ero proprio fresco come una rosa. Ho, quindi, subito cercato con apprensione la targa luminosa del Rifugio. Appena l’ho individuata mi sono lanciato di corsa verso di lei. Mentre correvo ho oltrepassato la donna che avevo visto camminare verso di me e le ho indicato il Rifugio. Lei mi ha guardato dall’alto in basso biascicando qualcosa del tipo «Io mi lavo». Non le ho neppure risposto e sono entrato nel Rifugio appena in tempo: 7 – 6 – 5 – 4 – 3 – 2 – 1 e le porte si sono sigillate dietro le mie spalle lasciando il mondo e i suoi pericoli fuori.
Dal Rifugio ho visto distintamente tutta la scena.

L’Aspiratore ha raggiunto fulmineamente la donna e le si è attaccato al collo di pelliccia del cappotto. La donna ha iniziato a urlare all’indirizzo del Meccano Ecologico che quel collo era un ricordo di sua madre, che era sì un animale morto, ma lo era per bellezza: serviva da morto per ornare il suo cappotto. Ovviamente per il Meccano Ecologico un animale morto è un animale morto e non importa se esso sia o meno attaccato a mo’ di guarnizione a un cappotto: va aspirato e triturato come un rifiuto qualsiasi. La donna non voleva proprio mollare il suo collo di pelliccia e tentava di divincolarsi dalla presa dell’Aspiratore, ma il Meccano Ecologico – non c’è neppure bisogno di dirlo – era inflessibile. Dal Rifugio io urlavo alla donna di spogliarsi del cappotto e correre via, ma per quanto urlassi, la donna non mi sentiva: il rumore del Meccano Ecologico e le urla di lei che protestava la legittimità del suo animale morto coprivano le mie.

Alla fine, la donna, ormai allo stremo, è stata risucchiata dall’Aspiratore assieme al suo animale morto.

Quando il Meccano Ecologico si è allontanato, le porte del Rifugio si sono aperte e io sono ritornato in strada.

Appena fuori ho aspirato profondamente e a pieni polmoni l’aria pulita che il Meccano Ecologico aveva lasciato dietro di sé.

È proprio vero che per godere appieno dell’ordine e della pulizia si possono anche tollerare alcuni effetti collaterali dovuti a eventi imprevedibili.

Commenti

Post più letti

Parla Egisto: ho scelto!

Qualche giorno fa, correggendo il mio Parla Egisto, ero in dubbio se farne un libro, oppure pubblicarlo online a puntate, come se si trattasse di un blog (leggi). Non riuscivo a scegliere quale soluzione adottare, poi ho capito che la scelta giusta era, comunque, pubblicarlo. Ecco, allora che, da oggi, Parla Egisto è sia un libro cartaceo, sia un ebook.

Parla Egisto è disponibile su Amazon.it

Lavapiubianco

Pubblicato per la prima volta nel 1998 dalle Edizioni dell’Ariete di Siracusa, Lavapiubianco è il mio primo romanzo che, nel 2009, ho ripubblicato con Lulu.com sia in forma cartacea, sia come ebook.

Il romanzo narra la storia d'amore del protagonista per Lavapiubianco, una passione travolgente che non conosce ostacoli o barriere di sorta.




ORDINA IL LIBRO
Dalla rassegna stampa
ALESSANDRO RIZZO, in «Milk», 12 gennaio 2014.
6. A chi ha voluto rivolgersi Danilo Ruocco con “Lavapiubianco”? A tutti, ma soprattutto a quanti sono chiusi in una gabbia o si nascondono agli altri e a se stessi. Liberatevi e vivete in prima persona. Senza maschere e senza nascondervi. Vivete con il vostro nome e cognome. Siate la vostra Identità (con la I maiuscola).
ENRICO PROSERPIO, in «Culturaperta», 17 novembre 2009. "Lavapiubianco è un libro la cui narrazione veloce è zeppa di sessualità senza mai essere volgare. Il sesso, assolutamente libero e mercificato nella nuova società, diventa un mezzo di presa di …

Una app Android per Danilo Ruocco

Se hai uno smartphone e/o un tablet Android e vuoi ricevere in automatico sul tuo dispositivo gli ultimi post del blog Danilo Ruocco 2.0 ti potrebbe essere utile la app che metto a disposizione gratuitamente. Si tratta di un lettore di feed che puoi liberamente configurare secondo le tue esigenze. Una volta scaricata la app, per installarla ti ricordo che, sul tuo device Android, nelle Impostazioni/Protezione devi mettere un flag accanto a “Origini sconosciute” (che puoi togliere subito dopo che l’installazione è riuscita). Al primo avvio, la app scarica gli articoli disponibili. Poi, ogni volta che viene pubblicato un post, la app lo scaricherà in automatico e un messaggio ti segnalerà l’avvenuto aggiornamento.
______
Ultimo aggiornamento app: 07.10.18