Creare risorse utili alle persone | Il Google liquido di Taverniti


Google non è più un motore di ricerca, ma un ecosistema.

Lo spiega assai bene Giorgio Taverniti in Google liquido, edito da Hoepli.


Si tratta di un volume che riunisce e sistematizza quanto, da anni, va ripetendo l’Autore durante la sua attività di divulgatore: la SEO (Search Engine Optimization) - intesa come un insieme di “trucchetti” atti a scalare posizioni nella pagina dei risultati di ricerca - non esiste più (ammesso sia davvero mai esistita).


Taverniti stesso dichiara di avere «una missione»:

[...] distruggere le cose che in questi anni hanno rovinato la bellezza della scrittura e creato una mentalità che in questo settore ha fatto non pochi danni. Ci sono persone che pensano di fare SEO perché un semaforo gli mostra il colore verde.

Inutile, quindi, pensare che l’uso di certe “parole chiave” (le keywords degli addetti ai lavori); o l’uso arbitrario dei grassetti; o la lunghezza minima di uno scritto possano in qualche modo essere determinanti per Google: avverte, infatti, Taverniti che quando si fornisce a Google un’informazione, se ne perde il controllo.

Ovvero, Google se ne appropria e la “spalma” all’interno del suo enorme ecosistema.


Ciò detto, Taverniti consiglia, quindi, di smettere di creare contenuti pensando ai robot del motore di ricerca e iniziare a creare risorse utili alle persone.

Ci penserà, poi, Google a far arrivare le risorse da noi diffuse alle persone a cui più sono utili.

E lo farà non solo utilizzando la pagina di risposta del motore di ricerca, ma l’intero ecosistema.


E, se si vuole conoscere e comprendere in cosa consista lo sterminato (in termini numerici) ecosistema di Google, allora non resta che leggere il volume di Taverniti che non è un manuale, ma un saggio che “fotografa” l’ecosistema Google com’è oggi e lo spiega - con sapienza da bravo divulgatore - a tutti, non addetti ai lavori in primis.


Google liquido è disponibile su Amazon 

Commenti

Post più visti del mese

L'iniziazione

Il nome di Jack lo Squartatore