Notion | Forse non tutti sanno che...



 … “l’unità di misura” minima di Notion non è né la Pagina, né la Scheda (di Database), ma il Blocco.

Un “blocco” potrebbe essere paragonato a un periodo all’interno di un paragrafo, o, meglio ancora, a un mattone di un muro.

Ogni “blocco” in Notion genera un url e, quindi, può essere linkato sia all’interno di Notion stesso, sia all’esterno dell’applicazione.

Ma, cosa assai più utile, quando si copia-incolla l’url di un blocco all’interno di Notion, l’applicazione chiede se lo si vuole incollare come semplice collegamento, oppure se si vuole generare un blocco-sincronizzato (paste and sync). 

Se si ha la necessità di duplicare e tenere aggiornata la stessa informazione in posti differenti, il sistema dei blocchi-sincronizzati si rivela assai vantaggioso, in quanto tutti i cambiamenti effettuati all’interno di un blocco-sincronizzato, vengono replicati in automatico in tutti i blocchi-sincronizzati corrispondenti.


… ogni Scheda (di Database) - al pari di ogni Pagina - genera un url e ciò significa che, non solo la si può linkare ovunque, ma anche che, all’interno di Notion, la si può “citare” (mention) semplicemente digitando la chiocciolina (@) seguita dal “titolo” della scheda (esattamente come se si trattasse di una Pagina autonoma).

Una Scheda va, quindi, pensata come se si trattasse di una Pagina con gli steroidi (non a caso, all’interno di Notion, la Scheda viene semplicemente chiamata Page), ossia di una Pagina alla quale vengono aggiunti tutti i vantaggi derivanti dall’essere inserita all’interno di una struttura definita dall’architettura del database in cui risiede. 


… ogni Database può essere inserito sia all’interno di un Pagina, sia all’interno di una Scheda di un Database.

Applicando ad esso dei “filtri”, si può generare un “nuovo” database che contiene solo le schede che “rispondono” al/ai filtro/i assegnato/i.

Ad esempio, una scheda/pagina dedicata a un determinato argomento, può contenere al suo interno un altro database-filtrato che mostra l’elenco di tutte le sue schede che contengono informazioni su quel determinato argomento.

Ovviamente, il database-filtrato si aggiorna in automatico ogni qual volta il database di cui è “figlio” viene aggiornato. 


… ogni database, oltre che con altri database, può essere messo in relazione con se stesso.


… ogni “campo” di una scheda può essere nascosto in automatico, ad esempio quando lasciato vuoto. 


… oltre all’estensione di Chrome chiama Web Clipper con la quale è possibile importare in Notion tutto ciò che di proprio interesse si trova nel Web, Notion ha creato un “componente aggiuntivo” per Gmail in grado di salvare, catalogare e utilizzare in Notion il testo delle email ricevute.


__________

📢 Per ricevere le comunicazioni di Danilo Ruocco iscriviti alla newsletter drnews e/o unisciti al canale Telegram @ruoccolive


Commenti

Post più visti del mese

Il nome di Jack lo Squartatore

Luca Borromeo

Consigli per parlare in pubblico di Danilo Ruocco