L'essenza della Libertà



Essere liberi significa avere potere decisionale.

Chi rinuncia a decidere per sé e si sottomette a un altro, non sta compiendo un atto di Libertà, ma, appunto, si sta sottomettendo.

L’irreversibilità di una tale scelta è il contrario di un atto di Libertà.


Ritengo sia un assioma della Libertà che non si possa rinunciare a essa liberamente.

In altri termini, la Libertà è un diritto fondamentale della persona* ed è inalienabile. 

Un diritto tanto prezioso che ritengo non vi si possa rinunciare.


Vedo, invece, sempre più spesso che molti tendono a sottovalutare l’inalienabilità della Libertà, dichiarando di essere disposti a rinunciare a un “pezzo” della loro Libertà in cambio di un qualche beneficio, come, ad esempio, la tutela della salute o un maggiore senso di sicurezza.


Ciò è profondamente sbagliato: non si può rinunciare a “pezzi” di Libertà pensando di non minare in toto la Libertà in quanto tale.

Chi rinuncia a “pezzi” di Libertà non è libero, ma sottomesso.

E si è sempre sottomessi per intero, mai a “pezzi”.



_____________________

* «Tutti gli esseri umani nascono liberi ed eguali in dignità e diritti.» (Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, Art. 1).   


____________________

Leggi anche:

> Essere liberi

> La Libertà degli Uguali

Commenti

Post popolari in questo blog

Uguale non vuol dire Identico | Si è uguali se si è unici

Quando stavo per morire

Fontana e la mascherina