Passa ai contenuti principali

Contenuti durevoli


Proprio perché Internet vive di quello che mi piace definire un Eterno presente, lascio che della “cronaca spicciola” si occupino i siti delle testate giornalistiche.


Io preferisco sganciarmi da vecchie logiche da carta stampata e non rincorro i clic pubblicando post relativi al fatto sensazionalistico del giorno.

Ai clic (che lascio volentieri a quei siti-monnezza che ne vanno a caccia), antepongo le relazioni basate sulla fiducia nelle mie capacità di scrittore e critico.


In altre parole, al “mordi e fuggi” del titolo acchiappa-clic, preferisco di gran lunga tentare di creare e diffondere contenuti durevoli.

Contenuti che fanno lo sforzo di affrontare un qualsiasi argomento con uno “sguardo lungo” che vada oltre il dato specifico e contingente.

Non per generalizzare o banalizzare, ma per tentare di trovare un senso più ampio e “stabile” nel tempo.

Contenuti, quindi, che possano essere validi e fruibili anche a distanza di tempo da quando sono stati pubblicati, perché ritenuti ancora utili dai navigatori che vi accedono.


Ad esempio, quando scrivo la recensione di un libro, lo faccio partendo dall’assunto che valga la pena parlare di quel prodotto, indipendentemente dalla data di uscita del medesimo.

In altre parole, non è la novità editoriale in sé che suscita il mio interesse, ma la qualità del contenuto prodotto.


Questo perché sono convinto del fatto che i contenuti durevoli sono quelli che si occupano di contenuti di qualità, con competenza, onestà e trasparenza.




Commenti

Post più letti durante la settimana

La rispettabilità genera "doppi" | AMLETO

Ci sono romanzi talmente famosi che i loro titoli entrano, addirittura, nel linguaggio comune e le cui storie sono tanto note che si può avere la sensazione di averli già letti.
Uno di tali romanzi è sicuramente Lo strano caso del dottor Jekyll e del signor Hyde di Robert Louis Stevenson che ieri ho letto e oggi recensito su AMLETO.

Gli occhiali d'oro di Bassani

La prima volta che ho letto Gli occhiali d'oro di Giorgio Bassani ero un ragazzo: avevo 18 anni ed ero stato spinto alla lettura del romanzo dall'uscita del film di Giuliano Montalto.
Ho riletto il libro e l'ho - nuovamente - trovato un capolavoro assoluto. Ne ho scritto su Parole GLBT.
Credo che prossimamente rivedrò pure il film...

Quando stavo per morire

Ho già scritto che sono stato a un passo dalla Morte: nell’agosto del 2000, mentre ero in vacanza in Calabria, ho avuto uno shock anafilattico e mi sono stati “annunciati” 10 minuti di vita.
La crisi si è manifestata all’improvviso: mi si è gonfiato parte del volto (in particolare il naso e la bocca) e ho iniziato ad avere dei crampi talmente forti da non riuscire a respirare.
La prima cosa che la dottoressa della Guardia medica ha voluto sapere (credo a causa delle convulsioni) era se fossi in crisi d’astinenza.Le ho risposto che non ero (e non sono tuttora) un tossicodipendente.
Allora ha capito (o ha avuto certezza) che si trattava di uno shock anafilattico.Mi ha chiesto se fossi allergico al cortisone, mia unica speranza di vita.Ho risposto che non sapevo neppure di essere allergico a qualcosa d’altro.
Mi ha detto che, se fossi stato allergico anche al cortisone, sarei morto; altrimenti, senza l’iniezione di cortisone, sarei morto soffocato entro dieci minuti.A me la scelta.Ho scelto…