Passa ai contenuti principali

Nessuna penitenza!


Il nuovo coronavirus non è un castigo, ma una malattia.
Per combattere una malattia non servono penitenze, ma cure.
Cure non solo per il corpo, ma anche per la mente.

Essere in buona salute, infatti, significa avere sia il corpo, sia la mente prive di malattie.
E non si sottovaluti mai la salute mentale!

Ciò detto, risulterà facilmente comprensibile a chiunque come un qualsiasi atteggiamento penitenziale in questo momento di emergenza non sia proprio ciò di cui le nostre menti hanno bisogno.
Non serve a nulla, anzi peggiora la situazione.

Il Covid-19 va combattuto seguendo le indicazioni dei medici, dei virologi, degli epidemiologi e non quelle di qualche predicatore con evidenti problemi psichiatrici.

E, lo so, può essere difficile da sentirselo dire, ma anche i lutti che questa pandemia ci infligge non vanno affrontati abbandonandosi al dolore più cupo.
Niente e nessuno ci restituirà alla vita i nostri cari; ma i nostri cari possono vivere in noi solo quando il lutto viene elaborato.
E per elaborare il lutto non bisogna lasciare che esso ci travolga e ci annienti.

No, nessun atteggiamento penitenziale, mi raccomando!
Nessuna nera e insuperabile tristezza, perché le persone tristi diventano anche persone cattive e la cattiveria non è ciò che serve ora.
Ora dobbiamo combattere e come ogni combattente sa bene, la notte prima della battaglia si brinda alla vita.

Ben vengano, quindi, i balli, i canti, le risate, e il sesso.
A distanza di sicurezza e stando a casa, ovviamente.

Commenti

Post più letti durante la settimana

Tu sei

Mi concedo il lussodi sognarti,di sognarci.
Io sonoil maturo affidabile,l’usato ben tenuto.
E tu?Tu sei.

Sorrido alla Vita

Nell'agosto del 2000 ho avuto uno shock anafilattico e mi è stato detto che, nel giro di 10 minuti, sarei morto soffocato.  L’unica speranza per me, che, fino a quel momento, non sapevo di essere allergico a qualcosa, era che non fossi allergico anche al cortisone. Non lo sono ed eccomi qui.
Negli ultimi giorni un mio contatto su Facebook mi ha fatto notare che sorrido spesso. Gli ho risposto che la vita è già triste di suo ed è meglio non peggiorare le cose.
Ora vorrei aggiungere che io sorrido alla Vita. Sorrido con la consapevolezza profonda, radicata, che essa possa cessare in qualsiasi istante. Sorrido per la sua insensatezza. Sorrido perché i piccoli dispiaceri quotidiani non diventino, ai miei occhi, tragedie immani. Sorrido tentando di prendere il meglio da ciò che mi viene offerto. 
Mi difendo con un sorriso.
Leggi anche Dionisiaco

Letteratura GLBT

Recensioni a libri di narrativa che hanno per argomento tematiche e personaggi GLBT. 
A AaVv Claudio Finelli a cura di, Se stiamo insiemeAndré Aciman, Chiamami col tuo nomeAndré Aciman, CercamiGilbert Adair, The DreamersB Dorothy Baker, Cassandra al matrimonioYehoshua Bar-Yosef, Il mio amatoAnna Berra, L'ultima cerettaMatteo B. Bianchi, Tu Cher dalle stelleAlan Bennett, La cerimonia del massaggioAlan Bennett, Gli studenti di StoriaPhilippe Besson, Un amico di Marcel ProustPhilippe Besson, Un ragazzo italianoFrancesco Botti,Di corsa, di nascostoGyles Brandreth, Oscar Wilde e i delitti a lume di candelaFranco Buffoni, ZamelFranco Buffoni, Il servo di ByronWilliam Burroughs, Il pasto nudoC Andrea Camilleri, Il colore del soleAdolfo Caminha, Il negroTruman Capote, Colazione da TiffanyGandolfo Cascio, AdmetoLuis Cernuda, I piaceri proibitiStephen Chbosky,Ragazzo da pareteJean Cocteau, I ragazzi terribiliDennis Cooper, TroieIvan Cotroneo, Un bacioMichael Cunningham, Mr BrotherE Eve EnslerI…