Passa ai contenuti principali

Il conteggio


Chiunque, in questi giorni, abbia dato un’occhiata ai numeri del contagio del nuovo coronavirus in Europa e nel resto del mondo si sarà sicuramente chiesto come sia possibile che in alcuni Stati il virus abbia provocato e stia provocando centinaia di decessi al giorno e in altri Stati, invece, no.
Ossia, come mai in alcuni Paesi si muore a centinaia di coronavirus e in altri no.

Alla domanda spontanea e legittima si risponde in vari modi.
Ad esempio, 
- si sottolinea come la progressione dei decessi dipenda molto da quella della malattia (ossia più contagiati ci sono stati per la presenza da più tempo del virus sul territorio e più morti ci sono); 
- si evidenzia come, là dove il virus ha colpito - per varie ragioni - fasce di popolazione con meno criticità di salute di altre, esso sia stato meno letale; 
- e si pone l’accento sui differenti criteri di notifica del decessi adottati da ogni Paese. 

Ora, se sui primi due punti si può davvero dire poco e nulla, sull’ultimo, invece, va fatta qualche riflessione. 
O, meglio, ci si deve porre qualche domanda.

Come è possibile che non esista un unico criterio per contare i morti causati da una pandemia?
In altre parole, come sarebbe a dire che ogni Stato sceglie come tenere il conteggio dei deceduti?

Capisco che a livello teorico e di “esattezza” medico-scientifica si dovrebbe sempre stabilire, con un esame post mortem, cosa effettivamente abbia causato il decesso di una persona, ossia, nel caso specifico, se essa sia effettivamente morta DI coronavirus o per altre patologie in presenza nell’organismo ANCHE del nuovo coronavirus.

Ma vorrei far notare che, probabilmente, molte, moltissime delle persone decedute perché affette già da altre patologia, se non avessero contratto anche il Covid-19, forse starebbero ancora combattendo contro i mali di cui soffrivano!
In altre parole, e per essere più chiari, a ucciderli è stata la presenza nel loro corpo del nuovo coronavirus che, debilitandoli ulteriormente, ha impedito loro di combattere sia contro la loro precedente malattia con la stessa energia con cui combattevano prima di infettarsi, e sia contro il Covid-19 stesso.

Stare a distinguere ora, a pandemia in corso, se si è deceduti DI o CON e quindi tenere “pallottolieri” differenti a seconda se si è morti DI o CON, mi pare, francamente, un’operazione poco utile e anche un po’ meschina.

Sarebbe come voler distinguere i morti di un’alluvione tra coloro che sono effettivamente morti annegati (dunque DI) e coloro che sono morti perché colpiti da una trave del soffitto della loro casa caduta perché travolta da una frana verificatasi durante l’alluvione (i CON).
Una follia da azzeccagarbugli, non pare anche a voi?

Commenti

Post più letti durante la settimana

Tu sei

Mi concedo il lussodi sognarti,di sognarci.
Io sonoil maturo affidabile,l’usato ben tenuto.
E tu?Tu sei.

Sorrido alla Vita

Nell'agosto del 2000 ho avuto uno shock anafilattico e mi è stato detto che, nel giro di 10 minuti, sarei morto soffocato.  L’unica speranza per me, che, fino a quel momento, non sapevo di essere allergico a qualcosa, era che non fossi allergico anche al cortisone. Non lo sono ed eccomi qui.
Negli ultimi giorni un mio contatto su Facebook mi ha fatto notare che sorrido spesso. Gli ho risposto che la vita è già triste di suo ed è meglio non peggiorare le cose.
Ora vorrei aggiungere che io sorrido alla Vita. Sorrido con la consapevolezza profonda, radicata, che essa possa cessare in qualsiasi istante. Sorrido per la sua insensatezza. Sorrido perché i piccoli dispiaceri quotidiani non diventino, ai miei occhi, tragedie immani. Sorrido tentando di prendere il meglio da ciò che mi viene offerto. 
Mi difendo con un sorriso.
Leggi anche Dionisiaco

Letteratura GLBT

Recensioni a libri di narrativa che hanno per argomento tematiche e personaggi GLBT. 
A AaVv Claudio Finelli a cura di, Se stiamo insiemeAndré Aciman, Chiamami col tuo nomeAndré Aciman, CercamiGilbert Adair, The DreamersB Dorothy Baker, Cassandra al matrimonioYehoshua Bar-Yosef, Il mio amatoAnna Berra, L'ultima cerettaMatteo B. Bianchi, Tu Cher dalle stelleAlan Bennett, La cerimonia del massaggioAlan Bennett, Gli studenti di StoriaPhilippe Besson, Un amico di Marcel ProustPhilippe Besson, Un ragazzo italianoFrancesco Botti,Di corsa, di nascostoGyles Brandreth, Oscar Wilde e i delitti a lume di candelaFranco Buffoni, ZamelFranco Buffoni, Il servo di ByronWilliam Burroughs, Il pasto nudoC Andrea Camilleri, Il colore del soleAdolfo Caminha, Il negroTruman Capote, Colazione da TiffanyGandolfo Cascio, AdmetoLuis Cernuda, I piaceri proibitiStephen Chbosky,Ragazzo da pareteJean Cocteau, I ragazzi terribiliDennis Cooper, TroieIvan Cotroneo, Un bacioMichael Cunningham, Mr BrotherE Eve EnslerI…