Passa ai contenuti principali

YouTube è il social più utilizzato dagli italiani

Ieri il CENSIS ha reso pubblico il 16esimo Rapporto sulla comunicazione I media e la costruzione dell’identità da cui emergono dati interessanti per chi si occupa di comunicazione in genere.

Il dato che qui si vuole mettere in evidenza è che YouTube è il social media più utilizzato dagli italiani, seguito a ruota da Facebook.
Vedendo nel dettaglio i dati di utilizzo, si scopre che nel 2016 YouTube era utilizzato dal 46,8% degli utenti che salgono al 56,7% nel 2019; mentre Facebook, nello stesso arco di tempo, subisce una lieve flessione.
Da tenere presente, poi, che Instagram passa dal 16,8% del 2016 al 35,9% del 2019.



Per quel che riguarda la fascia di età che va dai 14 ai 44 anni (ossia quella dei giovani e dei giovani adulti) va detto che YouTube è utilizzato dal 76,1% dei giovani tra i 14 e i 29 anni e dal 73,1% degli adulti tra i 30 e i 44 anni; mentre gli utenti di Facebook che hanno tra i 14 e i 29 anni sono il 60,3% e quelli tra i 30 e i 44 il 75,8%. 
Il 65,6% di chi ha tra i 14 e i 29 anni fa uso di Instagram. Il dato scende a 46,4% nella fascia d’età compresa tra i 30 e i 44 anni.



In sostanza, chi vuole comunicare con persone che hanno un’età compresa tra i 14 e i 44 anni lo deve fare utilizzando social media come YouTube, Facebook e Instagram puntando, quindi, decisamente sulle immagini (si sa bene come foto e video spopolano anche su Facebook).

Commenti

Post più letti durante la settimana

Il mondo delle perfette cretine

Esiste un mondo, una “bolla” (come direbbero quelli bravi), popolato da perfette cretine.
È il mondo nel quale una donna, per il solo fatto di essere donna, è una principessa e/o una fatina buona priva di qualsiasi difetto e cattiveria. Perfetta in quanto donna.
È il mondo nel quale le donne, mentre si laccano le unghie parlando al telefono con le amiche, si lodano perché si riconoscono in grado di fare due cose contemporaneamente (ossia, appunto, laccarsi le unghie e parlare al telefono).
È il mondo in cui vengono bandite le parole “violente” dell’anatomia e sostituite con quelle tranquillizzanti della fanciullezza.  Un mondo in cui, quindi, risuonano leggiadre parole come “farfallina”, “patatina” e “passerina”.
Un mondo in cui non si entra mai nel merito delle cose, ma si preferisce liquidare le critiche accusando l’autore delle stesse di essere “misogino”, “violento”, “irrisolto”, “maschilista”, “brutale”... Un mondo, quindi, in cui la realtà dei fatti è bandita. E questo perché, se si ent…

La rispettabilità genera "doppi" | AMLETO

Ci sono romanzi talmente famosi che i loro titoli entrano, addirittura, nel linguaggio comune e le cui storie sono tanto note che si può avere la sensazione di averli già letti.
Uno di tali romanzi è sicuramente Lo strano caso del dottor Jekyll e del signor Hyde di Robert Louis Stevenson che ieri ho letto e oggi recensito su AMLETO.

Gli occhiali d'oro di Bassani

La prima volta che ho letto Gli occhiali d'oro di Giorgio Bassani ero un ragazzo: avevo 18 anni ed ero stato spinto alla lettura del romanzo dall'uscita del film di Giuliano Montalto.
Ho riletto il libro e l'ho - nuovamente - trovato un capolavoro assoluto. Ne ho scritto su Parole GLBT.
Credo che prossimamente rivedrò pure il film...