Passa ai contenuti principali

A Stoccolma


Dal 4 all’8 dicembre sono stato a Stoccolma per partecipare a un evento organizzato per celebrare il 60esimo anniversario del conferimento a Salvatore Quasimodo del Premio Nobel per la Letteratura.


Il convegno si è tenuto all’interno dell’Istituto Italiano di Cultura, luogo prestigioso, disegnato dal celebre Gio Ponti e arredato con pezzi unici. 
La biblioteca, dedicata a Pier Paolo Pasolini, contiene 26000 volumi in lingua italiana.



Ecco qualche immagine dell’evento.




Ovviamente, nei giorni in cui sono rimasto a Stoccolma, ne ho approfittato per fare il turista e per visitare quei luoghi che, la prima volta che ero stato nella capitale svedese, avevo visto solo dall’esterno.

Al Museo del Premio Nobel 

Concludo postando uno degli articoli che hanno parlato dell’evento e la locandina della manifestazione.






Commenti

Post più letti durante la settimana

Il vizietto

Non so dire quante volte ho visto Il vizietto per la regia di Édouard Molinaro con Michel Serrault e Ugo Tognazzi. Trovo sia un vero capolavoro della cinematografia, ma fino a questa mattina non ne avevo mai fatto una recensione. Su Parole GLBT ho scritto la mia sul film.

Il mondo delle perfette cretine

Esiste un mondo, una “bolla” (come direbbero quelli bravi), popolato da perfette cretine.
È il mondo nel quale una donna, per il solo fatto di essere donna, è una principessa e/o una fatina buona priva di qualsiasi difetto e cattiveria. Perfetta in quanto donna.
È il mondo nel quale le donne, mentre si laccano le unghie parlando al telefono con le amiche, si lodano perché si riconoscono in grado di fare due cose contemporaneamente (ossia, appunto, laccarsi le unghie e parlare al telefono).
È il mondo in cui vengono bandite le parole “violente” dell’anatomia e sostituite con quelle tranquillizzanti della fanciullezza.  Un mondo in cui, quindi, risuonano leggiadre parole come “farfallina”, “patatina” e “passerina”.
Un mondo in cui non si entra mai nel merito delle cose, ma si preferisce liquidare le critiche accusando l’autore delle stesse di essere “misogino”, “violento”, “irrisolto”, “maschilista”, “brutale”... Un mondo, quindi, in cui la realtà dei fatti è bandita. E questo perché, se si ent…

La rispettabilità genera "doppi" | AMLETO

Ci sono romanzi talmente famosi che i loro titoli entrano, addirittura, nel linguaggio comune e le cui storie sono tanto note che si può avere la sensazione di averli già letti.
Uno di tali romanzi è sicuramente Lo strano caso del dottor Jekyll e del signor Hyde di Robert Louis Stevenson che ieri ho letto e oggi recensito su AMLETO.