Passa ai contenuti principali

Come cambia il Web dal 4 febbraio


La notizia dell’imminente chiusura di G+ pare essere stata generalmente recepita con disinteresse.
Molti, infatti, hanno semplicemente fatto spallucce pensando che, tanto, usano Facebook.

Se dal punto di vista dell’utilizzo dei social network, la chiusura di G+ può non interessare gli utenti dei social concorrenti, da quello della gestione e fruizione dei siti Web, invece, dovrebbe interessare chiunque.

Infatti, la chiusura definitiva di G+ (fissata per il 2 aprile 2019) porta con sé, a cascata, una serie di conseguenze a partire dal 4 febbraio prossimo.

Non solo, progressivamente, verranno cancellati gli account, le pagine e tutti i contenuti postati sul social network di Google, ma saranno eliminati da tutti i siti (e non solo da quelli gestiti con Blogger) anche i commenti postati da quegli utenti che si erano autenticati usando le credenziali di G+.

Ciò significa che, a partire dal 4 febbraio, il Web così come lo conosciamo sarà decisamente più povero di contenuti generati dagli utenti.
Scrive, infatti, Google nella Guida approntata proprio in vista della chiusura di G+ e inviata agli utenti del social:
Se hai utilizzato Google+ per lasciare commenti sul tuo sito o su altri siti, tieni presente che questa funzionalità verrà rimossa da Blogger entro il 4 febbraio e da altri siti entro il 7 marzo. Tutti i tuoi commenti di Google+ verranno rimossi da tutti i siti a partire dal 2 aprile 2019.

Questo può significare che - specie per i siti gestiti con Blogger - i post degli ultimi anni si ritroveranno sforniti di commenti, ossia, dei contributi dei lettori, mentre torneranno online quei commenti che erano spariti con il passaggio a G+ per la gestione dei commenti sul sito.
Sarà, dunque, un Web più povero dei contributi recenti lasciati dalla comunità dei lettori, parte integrante del Web 2.0 così come lo conosciamo.

Commenti

Post più letti durante la settimana

Il mondo delle perfette cretine

Esiste un mondo, una “bolla” (come direbbero quelli bravi), popolato da perfette cretine.
È il mondo nel quale una donna, per il solo fatto di essere donna, è una principessa e/o una fatina buona priva di qualsiasi difetto e cattiveria. Perfetta in quanto donna.
È il mondo nel quale le donne, mentre si laccano le unghie parlando al telefono con le amiche, si lodano perché si riconoscono in grado di fare due cose contemporaneamente (ossia, appunto, laccarsi le unghie e parlare al telefono).
È il mondo in cui vengono bandite le parole “violente” dell’anatomia e sostituite con quelle tranquillizzanti della fanciullezza.  Un mondo in cui, quindi, risuonano leggiadre parole come “farfallina”, “patatina” e “passerina”.
Un mondo in cui non si entra mai nel merito delle cose, ma si preferisce liquidare le critiche accusando l’autore delle stesse di essere “misogino”, “violento”, “irrisolto”, “maschilista”, “brutale”... Un mondo, quindi, in cui la realtà dei fatti è bandita. E questo perché, se si ent…

La rispettabilità genera "doppi" | AMLETO

Ci sono romanzi talmente famosi che i loro titoli entrano, addirittura, nel linguaggio comune e le cui storie sono tanto note che si può avere la sensazione di averli già letti.
Uno di tali romanzi è sicuramente Lo strano caso del dottor Jekyll e del signor Hyde di Robert Louis Stevenson che ieri ho letto e oggi recensito su AMLETO.

Gli occhiali d'oro di Bassani

La prima volta che ho letto Gli occhiali d'oro di Giorgio Bassani ero un ragazzo: avevo 18 anni ed ero stato spinto alla lettura del romanzo dall'uscita del film di Giuliano Montalto.
Ho riletto il libro e l'ho - nuovamente - trovato un capolavoro assoluto. Ne ho scritto su Parole GLBT.
Credo che prossimamente rivedrò pure il film...