Passa ai contenuti principali

Oggi 20 anni fa


Esattamente 20 anni fa, il primo luglio 1998, mi sono laureato con il massimo dei voti e dignità di pubblicazione in Lettere Moderne (V.O.) presso l’Università degli Studi di Milano. 


La cattedra presso la quale ho preparato la tesi era quella di Storia del Teatro e dello Spettacolo.
La tesi l’ho fatta su Tatiana Pavlova (attrice e regista). 
Relatore era Paolo Bosisio e correlatore Fausto Malcovati.
Presidente della commissione Giuseppe Velli.
In commissione ricordo la presenza di Anna Cavallone Anzi e Stefano Zecchi. 


Ad assistere alla mia discussione erano venuti parenti e amici e questo mi aveva inorgoglito e mi aveva fatto enormemente piacere.


Partire dal risultato finale, però, potrebbe dare l'impressione che io sia stato uno studente tutto concentrato sugli studi. 
Non è stato così. Anzi!
Durante gli anni di Università ho fatto una marea di altre cose. Ad esempio:

  • Ho girato gli Stati Uniti da solo;
  • Ho iniziato a scrivere per i giornali;
  • Ho collaborato alla realizzazione di uno spettacolo del Piccolo Teatro di Milano;
  • Ho pubblicato il mio primo romanzo;
  • Ho iniziato a fare il formatore in materia di obiezione di coscienza;
  • Ho fatto una prima schedatura dell'archivio del Premio Nobel per la letteratura Salvatore Quasimodo;
  • Ho scritto i dialoghi di un cortometraggio;
  • Ho scritto la mia prima prefazione ad un libro...

Commenti

Post più letti durante la settimana

Il mondo delle perfette cretine

Esiste un mondo, una “bolla” (come direbbero quelli bravi), popolato da perfette cretine.
È il mondo nel quale una donna, per il solo fatto di essere donna, è una principessa e/o una fatina buona priva di qualsiasi difetto e cattiveria. Perfetta in quanto donna.
È il mondo nel quale le donne, mentre si laccano le unghie parlando al telefono con le amiche, si lodano perché si riconoscono in grado di fare due cose contemporaneamente (ossia, appunto, laccarsi le unghie e parlare al telefono).
È il mondo in cui vengono bandite le parole “violente” dell’anatomia e sostituite con quelle tranquillizzanti della fanciullezza.  Un mondo in cui, quindi, risuonano leggiadre parole come “farfallina”, “patatina” e “passerina”.
Un mondo in cui non si entra mai nel merito delle cose, ma si preferisce liquidare le critiche accusando l’autore delle stesse di essere “misogino”, “violento”, “irrisolto”, “maschilista”, “brutale”... Un mondo, quindi, in cui la realtà dei fatti è bandita. E questo perché, se si ent…

La rispettabilità genera "doppi" | AMLETO

Ci sono romanzi talmente famosi che i loro titoli entrano, addirittura, nel linguaggio comune e le cui storie sono tanto note che si può avere la sensazione di averli già letti.
Uno di tali romanzi è sicuramente Lo strano caso del dottor Jekyll e del signor Hyde di Robert Louis Stevenson che ieri ho letto e oggi recensito su AMLETO.

Gli occhiali d'oro di Bassani

La prima volta che ho letto Gli occhiali d'oro di Giorgio Bassani ero un ragazzo: avevo 18 anni ed ero stato spinto alla lettura del romanzo dall'uscita del film di Giuliano Montalto.
Ho riletto il libro e l'ho - nuovamente - trovato un capolavoro assoluto. Ne ho scritto su Parole GLBT.
Credo che prossimamente rivedrò pure il film...