Passa ai contenuti principali

Ecco perché il nuovo Facebook non ti piacerà

Lo sai, è stato ripetuto anche ai TG: Facebook sta cambiando l’algoritmo.
Cosa esattamente vorrà dire, non è facile dirlo.
In pratica, da quello che si è capito, nella tua bacheca vedrai comparire più spesso i post pubblicati dai tuoi parenti e amici e molto meno spesso quelli condivisi da testate giornalistiche, blogger et similia.

Il perché Facebook abbia fatto questa scelta non si sa chiaramente, al di là della dichiarata intenzione di tornare alle origini, ovvero a quando Facebook era una piattaforma pensata per aiutare le persone a ritrovare i loro vecchi amici e farli restare in contatto.
Poi Facebook, con il passare del tempo, ha cambiato mission e ha trascurando, evidentemente, la sua ragion d’essere… 

In questi ultimi anni, la piattaforma si è trasformata, per milioni di persone, nella principale fonte di notizie (fake news a parte) e, per altri milioni di persone, Facebook è diventato sinonimo di Web.
Questo perché gli iscritti nelle loro bacheche erano certi di poter trovare i post dei loro influencer preferiti; quelli dei giornalisti/blogger che stimano; quelli delle aziende di cui aspettano con ansia l’uscita del nuovo prodotto.

Ma, presumibilmente, con il cambio di rotta che Facebook ha annunciato, le nostre bacheche cambieranno drasticamente.
Vedremo soprattutto i post dei nostri amici e parenti e poi quelli sponsorizzati delle Pagine che seguiamo, ossia quei post sui quali chi gestisce una Pagina ha deciso che vale la pena investire del denaro, perché si aspetta di farci un guadagno.

Ora, va detto con molta schiettezza che, a meno che tuo zio non sia un astronauta; tua cugina una giornalista d’inchiesta in stile Milena Gabanelli; la tua amica del cuore una top model da mozzare il fiato; la tua bacheca sarà presumibilmente invasa dalle foto di tua zia che prende il tè con le amiche; di tua sorella che accarezza il cane; di tuo cugino che lava la macchina e di una serie di post (non necessariamente delle fake news) con titoli ingannevoli che ti obbligheranno a cliccare nella speranza di vedere qualcosa di interessante, per poi lasciarti il più delle volte deluso.

Chi, giornalista/blogger et similia, invece, non sarà in grado di sponsorizzare i contenuti delle proprie Pagine, progressivamente scomparirà dalla tua bacheca.
Insomma, per te Facebook, molto probabilmente, diventerà noioso e smetterà di piacerti.

Ovviamente, queste è una previsione che faccio senza aver visto in azione il nuovo algoritmo di Facebook, ma andando un po’ a naso.
Sappi, però, che sto già chiudendo alcune Pagine che gestisco, questo perché, scrivendo di argomenti troppo di nicchia, difficilmente mi converrà investire in pubblicità per essere sicuro che i miei post vengano visualizzati. 
E mi aspetto che, quando sarà chiaro che avere una Pagina su Facebook anche con migliaia di iscritti, avrà dei reali vantaggi solo se si investire in campagne pubblicitarie, molte Pagine, semplicemente, spariranno.

Ecco, se vuoi essere certo di continuare a ricevere mie notizie, puoi seguire altre strade. Ecco qualche esempio:

Commenti

Post più letti

Parla Egisto: ho scelto!

Qualche giorno fa, correggendo il mio Parla Egisto, ero in dubbio se farne un libro, oppure pubblicarlo online a puntate, come se si trattasse di un blog (leggi). Non riuscivo a scegliere quale soluzione adottare, poi ho capito che la scelta giusta era, comunque, pubblicarlo. Ecco, allora che, da oggi, Parla Egisto è sia un libro cartaceo, sia un ebook.

Parla Egisto è disponibile su Amazon.it

Lavapiubianco

Pubblicato per la prima volta nel 1998 dalle Edizioni dell’Ariete di Siracusa, Lavapiubianco è il mio primo romanzo che, nel 2009, ho ripubblicato con Lulu.com sia in forma cartacea, sia come ebook.

Il romanzo narra la storia d'amore del protagonista per Lavapiubianco, una passione travolgente che non conosce ostacoli o barriere di sorta.




ORDINA IL LIBRO
Dalla rassegna stampa
ALESSANDRO RIZZO, in «Milk», 12 gennaio 2014.
6. A chi ha voluto rivolgersi Danilo Ruocco con “Lavapiubianco”? A tutti, ma soprattutto a quanti sono chiusi in una gabbia o si nascondono agli altri e a se stessi. Liberatevi e vivete in prima persona. Senza maschere e senza nascondervi. Vivete con il vostro nome e cognome. Siate la vostra Identità (con la I maiuscola).
ENRICO PROSERPIO, in «Culturaperta», 17 novembre 2009. "Lavapiubianco è un libro la cui narrazione veloce è zeppa di sessualità senza mai essere volgare. Il sesso, assolutamente libero e mercificato nella nuova società, diventa un mezzo di presa di …

Una app Android per Danilo Ruocco

Se hai uno smartphone e/o un tablet Android e vuoi ricevere in automatico sul tuo dispositivo gli ultimi post del blog Danilo Ruocco 2.0 ti potrebbe essere utile la app che metto a disposizione gratuitamente. Si tratta di un lettore di feed che puoi liberamente configurare secondo le tue esigenze. Una volta scaricata la app, per installarla ti ricordo che, sul tuo device Android, nelle Impostazioni/Protezione devi mettere un flag accanto a “Origini sconosciute” (che puoi togliere subito dopo che l’installazione è riuscita). Al primo avvio, la app scarica gli articoli disponibili. Poi, ogni volta che viene pubblicato un post, la app lo scaricherà in automatico e un messaggio ti segnalerà l’avvenuto aggiornamento.
______
Ultimo aggiornamento app: 07.10.18