Passa ai contenuti principali

L'Era degli Influencer

Questa è l’Era degli Influencer.
Non ho idea di quanto possa durare, ma è sicuramente il loro momento.
Ma chi sono gli Influencer?
Il termine indica una galassia assai variegata di persone e non potrebbe essere altrimenti. 
Semplificando molto, si va da personaggi (vere e proprie star dei social) che hanno milioni di follower sul web e la loro importanza sta tutta nel numero di persone che li segue; a persone con molti ma molti meno follower, ma che basano la loro influenza sulle loro competenze specifiche.
Ciò che accomuna gli Influencer, ad ogni modo, è il fatto che chi li segue si fida di loro. Li tratta da amici e da loro sono trattati come amici.
La conversazione tra un Influencer e i propri follower non si interrompe mai, perché è la relazione in essere tra i soggetti che fa la differenza tra un Influencer e, mettiamo, un generico giornalista, un blogger o un utente medio dei social.
Una relazione che rende l’Influencer un soggetto in grado di influenzare (lo dice il termine) coloro che si fidano di lui/lei.

A quanto detto, si aggiunga il fatto che il mondo della comunicazione così come lo abbiamo conosciuto nel secondo Novecento è superato.
Sono sempre più convinto che l’Era della Testata generalista sia terminata o stia per terminare. In altre parole, la grande Testata giornalistica di un tempo è morta.
Infatti, oggi e da tempo, chi naviga sul Web non parte più dalla Testata, ma dalla ricerca mirata di un determinato contenuto. Ossia, non dà importanza al contenitore generalista, bensì al contenuto specifico e a chi è in grado di suggerirglielo e farglielo scoprire.
Dà importanza al contenuto e a chi quel contenuto ha prodotto e/o a chi glielo ha indicato.
Un tempo si iniziava la propria sessione di navigazione aprendo le homepage dei siti a cui si era più affezionati. Oggi è diverso.
Oggi si è sempre online e si resta collegati, tramite i social, alle persone che più si sentono vicine a sé, al proprio sentire, ai propri interessi.
Si resta collegati alle persone e ai loro contenuti.
Il contenitore generalista, quindi, ha perso di interesse e, con l’interesse, ha perso la capacità di aggregare e di influenzare.

Oggi ad aggregare e influenzare sono, come detto, gli Influencer.
Sono loro le “Testate” del presente (e, forse, del futuro).
È da loro che si parte alla scoperta del mondo. Da loro che prende avvio la conversazione.
Ecco perché il fenomeno degli Influencer non va affatto sottovalutato o frettolosamente liquidato.
E non deve farlo soprattutto chi ha un contenuto da diffondere e non solo chi ha un prodotto da vendere (che, se avveduto, ha già capito l’importanza degli Influencer e se ne avvale).
Anzi, chi ha un contenuto da diffondere, dovrebbe farsi Influencer in prima persona, non delegando più la funzione aggregatrice alla Testata generalista; ovvero, sganciandosi da essa e dalle sorpassate dinamiche da carta stampata e facendosi motore di conversazione in prima persona.

Una strada sicuramente più difficile da quella un tempo tracciata dalle Testate generaliste, in quanto si tratta di andare a cercarsi i follower uno per uno, ma, temo, sia pure l’unica strada davvero percorribile se si vuole che, anche nel futuro prossimo, i propri contenuti siano fruiti da una cerchia di persone un po’ più vasta di quella formata dai propri più stretti familiari.

Commenti

Post più letti

Parla Egisto: ho scelto!

Qualche giorno fa, correggendo il mio Parla Egisto, ero in dubbio se farne un libro, oppure pubblicarlo online a puntate, come se si trattasse di un blog (leggi). Non riuscivo a scegliere quale soluzione adottare, poi ho capito che la scelta giusta era, comunque, pubblicarlo. Ecco, allora che, da oggi, Parla Egisto è sia un libro cartaceo, sia un ebook.

Parla Egisto è disponibile su Amazon.it

Lavapiubianco

Pubblicato per la prima volta nel 1998 dalle Edizioni dell’Ariete di Siracusa, Lavapiubianco è il mio primo romanzo che, nel 2009, ho ripubblicato con Lulu.com sia in forma cartacea, sia come ebook.

Il romanzo narra la storia d'amore del protagonista per Lavapiubianco, una passione travolgente che non conosce ostacoli o barriere di sorta.




ORDINA IL LIBRO
Dalla rassegna stampa
ALESSANDRO RIZZO, in «Milk», 12 gennaio 2014.
6. A chi ha voluto rivolgersi Danilo Ruocco con “Lavapiubianco”? A tutti, ma soprattutto a quanti sono chiusi in una gabbia o si nascondono agli altri e a se stessi. Liberatevi e vivete in prima persona. Senza maschere e senza nascondervi. Vivete con il vostro nome e cognome. Siate la vostra Identità (con la I maiuscola).
ENRICO PROSERPIO, in «Culturaperta», 17 novembre 2009. "Lavapiubianco è un libro la cui narrazione veloce è zeppa di sessualità senza mai essere volgare. Il sesso, assolutamente libero e mercificato nella nuova società, diventa un mezzo di presa di …

Una app Android per Danilo Ruocco

Se hai uno smartphone e/o un tablet Android e vuoi ricevere in automatico sul tuo dispositivo gli ultimi post dei blog Danilo Ruocco 2.0 e Spazio Ruocco ti potrebbe essere utile la app che metto a disposizione gratuitamente. Si tratta di un lettore di feed che puoi liberamente configurare secondo le tue esigenze. Una volta scaricata la app, per installarla ti ricordo che, sul tuo device Android, nelle Impostazioni/Protezione devi mettere un flag accanto a “Origini sconosciute” (che puoi togliere subito dopo che l’installazione è riuscita). Al primo avvio, la app scarica gli articoli disponibili. Poi, ogni volta che viene pubblicato un post in uno dei due blog, la app lo scaricherà in automatico e un messaggio ti segnalerà l’avvenuto aggiornamento.
______
Ultimo aggiornamento app: 07.10.18