Passa ai contenuti principali

L'Era degli Influencer

Questa è l’Era degli Influencer.
Non ho idea di quanto possa durare, ma è sicuramente il loro momento.
Ma chi sono gli Influencer?
Il termine indica una galassia assai variegata di persone e non potrebbe essere altrimenti. 
Semplificando molto, si va da personaggi (vere e proprie star dei social) che hanno milioni di follower sul web e la loro importanza sta tutta nel numero di persone che li segue; a persone con molti ma molti meno follower, ma che basano la loro influenza sulle loro competenze specifiche.
Ciò che accomuna gli Influencer, ad ogni modo, è il fatto che chi li segue si fida di loro. Li tratta da amici e da loro sono trattati come amici.
La conversazione tra un Influencer e i propri follower non si interrompe mai, perché è la relazione in essere tra i soggetti che fa la differenza tra un Influencer e, mettiamo, un generico giornalista, un blogger o un utente medio dei social.
Una relazione che rende l’Influencer un soggetto in grado di influenzare (lo dice il termine) coloro che si fidano di lui/lei.

A quanto detto, si aggiunga il fatto che il mondo della comunicazione così come lo abbiamo conosciuto nel secondo Novecento è superato.
Sono sempre più convinto che l’Era della Testata generalista sia terminata o stia per terminare. In altre parole, la grande Testata giornalistica di un tempo è morta.
Infatti, oggi e da tempo, chi naviga sul Web non parte più dalla Testata, ma dalla ricerca mirata di un determinato contenuto. Ossia, non dà importanza al contenitore generalista, bensì al contenuto specifico e a chi è in grado di suggerirglielo e farglielo scoprire.
Dà importanza al contenuto e a chi quel contenuto ha prodotto e/o a chi glielo ha indicato.
Un tempo si iniziava la propria sessione di navigazione aprendo le homepage dei siti a cui si era più affezionati. Oggi è diverso.
Oggi si è sempre online e si resta collegati, tramite i social, alle persone che più si sentono vicine a sé, al proprio sentire, ai propri interessi.
Si resta collegati alle persone e ai loro contenuti.
Il contenitore generalista, quindi, ha perso di interesse e, con l’interesse, ha perso la capacità di aggregare e di influenzare.

Oggi ad aggregare e influenzare sono, come detto, gli Influencer.
Sono loro le “Testate” del presente (e, forse, del futuro).
È da loro che si parte alla scoperta del mondo. Da loro che prende avvio la conversazione.
Ecco perché il fenomeno degli Influencer non va affatto sottovalutato o frettolosamente liquidato.
E non deve farlo soprattutto chi ha un contenuto da diffondere e non solo chi ha un prodotto da vendere (che, se avveduto, ha già capito l’importanza degli Influencer e se ne avvale).
Anzi, chi ha un contenuto da diffondere, dovrebbe farsi Influencer in prima persona, non delegando più la funzione aggregatrice alla Testata generalista; ovvero, sganciandosi da essa e dalle sorpassate dinamiche da carta stampata e facendosi motore di conversazione in prima persona.

Una strada sicuramente più difficile da quella un tempo tracciata dalle Testate generaliste, in quanto si tratta di andare a cercarsi i follower uno per uno, ma, temo, sia pure l’unica strada davvero percorribile se si vuole che, anche nel futuro prossimo, i propri contenuti siano fruiti da una cerchia di persone un po’ più vasta di quella formata dai propri più stretti familiari.

Commenti

Post più letti durante la settimana

Il mondo delle perfette cretine

Esiste un mondo, una “bolla” (come direbbero quelli bravi), popolato da perfette cretine.
È il mondo nel quale una donna, per il solo fatto di essere donna, è una principessa e/o una fatina buona priva di qualsiasi difetto e cattiveria. Perfetta in quanto donna.
È il mondo nel quale le donne, mentre si laccano le unghie parlando al telefono con le amiche, si lodano perché si riconoscono in grado di fare due cose contemporaneamente (ossia, appunto, laccarsi le unghie e parlare al telefono).
È il mondo in cui vengono bandite le parole “violente” dell’anatomia e sostituite con quelle tranquillizzanti della fanciullezza.  Un mondo in cui, quindi, risuonano leggiadre parole come “farfallina”, “patatina” e “passerina”.
Un mondo in cui non si entra mai nel merito delle cose, ma si preferisce liquidare le critiche accusando l’autore delle stesse di essere “misogino”, “violento”, “irrisolto”, “maschilista”, “brutale”... Un mondo, quindi, in cui la realtà dei fatti è bandita. E questo perché, se si ent…

La rispettabilità genera "doppi" | AMLETO

Ci sono romanzi talmente famosi che i loro titoli entrano, addirittura, nel linguaggio comune e le cui storie sono tanto note che si può avere la sensazione di averli già letti.
Uno di tali romanzi è sicuramente Lo strano caso del dottor Jekyll e del signor Hyde di Robert Louis Stevenson che ieri ho letto e oggi recensito su AMLETO.

Gli occhiali d'oro di Bassani

La prima volta che ho letto Gli occhiali d'oro di Giorgio Bassani ero un ragazzo: avevo 18 anni ed ero stato spinto alla lettura del romanzo dall'uscita del film di Giuliano Montalto.
Ho riletto il libro e l'ho - nuovamente - trovato un capolavoro assoluto. Ne ho scritto su Parole GLBT.
Credo che prossimamente rivedrò pure il film...