Passa ai contenuti principali

Contenuti in movimento

Chi diffonde i propri contenuti nel Web gradisce che essi siano usufruiti anche da coloro (e sono sempre di più) che non usano i computer per navigare.
Per raggiungere chi adopera lo smartphone e/o il tablet per tenersi aggiornato, ci sono svariati modi, tra cui la diffusione di una newsletter, la condivisione dei contenuti tramite i social network o l’uso dei Feed RSS

La creazione di una App specifica per diffondere i propri contenuti non va trascurata. Ad esempio, io ne ho realizzata una per i dispositivi Android.
Non sempre, però, il navigatore ha voglia di istallare sul proprio dispositivo una nuova App... o non sempre esiste una App che funzioni sul proprio sistema operativo...

Ecco, allora, che potrebbe anche essere utile usare delle App assai diffuse come WhatsApp e Telegram (per dirne due che funzionano sui principali sistemi operativi) per veicolare i propri contenuti.
  • WhatsApp mette a disposizione degli utenti le “Liste di distribuzione” con le quali poter mandare uno stesso messaggio a tutti coloro che sono inseriti nella lista. 
  • Telegram dà la possibilità ai propri utenti di creare due tipi distinti di canali: quelli pubblici e quelli privati. I primi hanno un proprio username, possono essere raggiunti da chiunque tramite un link e non è necessario essere invitati direttamente dall'amministratore. Ogni canale può avere più di un amministratore. Il mio canale pubblico è @ruoccolive.



E tu che come ti comporti? 

 Facebook

 LinkedIn Tumblr Newsletter Feed RSS Danilo Ruocco2.0


   
_____
Ultimo aggiornamento: 20.1.18

Commenti

Post più letti durante la settimana

Come già sono

Conservo le foto che mi mandi: coprono la distanza, leniscono l’assenza.
Sei l’imprevisto che in silenzio attendevo;la giovane follia chemi emoziona.
Non sarò maicome mi sogni, perché mi vuoi come già sono.

La rispettabilità genera "doppi" | AMLETO

Ci sono romanzi talmente famosi che i loro titoli entrano, addirittura, nel linguaggio comune e le cui storie sono tanto note che si può avere la sensazione di averli già letti.
Uno di tali romanzi è sicuramente Lo strano caso del dottor Jekyll e del signor Hyde di Robert Louis Stevenson che ieri ho letto e oggi recensito su AMLETO.

Gli occhiali d'oro di Bassani

La prima volta che ho letto Gli occhiali d'oro di Giorgio Bassani ero un ragazzo: avevo 18 anni ed ero stato spinto alla lettura del romanzo dall'uscita del film di Giuliano Montalto.
Ho riletto il libro e l'ho - nuovamente - trovato un capolavoro assoluto. Ne ho scritto su Parole GLBT.
Credo che prossimamente rivedrò pure il film...