Passa ai contenuti principali

Per essere informati il Web non basta più


Appartengo alla generazione che è stata educata a leggere i giornali e, contemporaneamente, faccio anche parte di quella generazione che ha visto l’affermarsi di Internet e il suo evolversi.

Da anni sostengo che il quotidiano cartaceo, se non muta radicalmente, è destinato a scomparire perché, così come è ora, a livello informativo, nasce morto: superato, da anni, da mezzi come la radio, la TV e i siti di informazione online.

Sono, però, convinto che il cartaceo, come mezzo per tenersi informati e avere una panoramica su cosa sta succedendo nel mondo, non sia affatto superato.
Anzi, così come sempre più spesso è utilizzato oggi il Web, esso è tornato a essere essenziale.

Oggi, chi voglia tenersi aggiornato su quanto è di suo interesse, sicuramente, se ha la possibilità di accedere al Web, fa ampio uso di comodi strumenti quali sono i Feed RSS: le notizie gli arrivano direttamente e quasi nel momento stesso in cui sono state messe online.
Altro canale informativo assai usato sono i social network come Facebook e Twitter: si seguono quelle persone che condividono link a notizie che sono di proprio interesse.
Io sono tra quanti si comportano in tal modo.

Eppure, se tutto ciò può sembrare sufficiente, non lo è.
Non lo è perché, paradossalmente, nonostante il Web sia “sterminato”, molti di coloro (e io tra loro) che vi accedono hanno smesso da tempo di essere dei “navigatori” in solitaria e sono diventati dei “pantofolai del clic”, ma “social”.
Ci si avventura poco oltre i confini della propria cerchia sociale e non si avverte il rischio di restare pericolosamente indietro rispetto a molti argomenti che non sono di nostro stretto interesse (e, che dunque, non meritano di entrare tra quelli che vengono seguiti assiduamente).
Alla lunga, la predilezione per certi argomenti a scapito degli altri, porta sì a essere informatissimi sui primi, ma assolutamente carenti su tutto il resto.
Si resta, cioè, informati su ciò che già ci è noto e ci piace, ma si corre il serio pericolo di non entrare mai in contatto con ciò che si ignora, proprio perché, ignorandolo, non si è potuto decidere di riceverne notizia.

Sfogliare un settimanale o un mensile cartaceo, invece, mette il lettore di fronte a una selezione di notizie fatta dalla redazione giornalistica e non da lui.
Chi seleziona, se è un professionista, non solo lo fa a ragion veduta, scegliendo tra le fonti più valide, ma non limita la propria offerta selettiva ai propri personali interessi: agisce, invece, nell'ottica di soddisfare i molteplici e variegati interessi dei propri lettori.
Ecco, allora, che il singolo lettore si trova di fronte a una varietà di argomenti che, per quanto detto finora, vengono invece ignorati dall'uso personale, troppo selettivo e sostanzialmente pigro che si fa del Web.
Argomenti che possono sollecitare la sua curiosità momentanea e la cui lettura lo arricchisce in ogni caso.

Dunque, se non si vuole correre il rischio di sapere tutto su ciò che avviene nel proprio orticello, ma nulla o quasi nulla di quanto succede al di là delle mura della propria cerchia sociale, vale la pena (ri)abituarsi a sfogliare settimanali e mensili. 

Pratica che, personalmente, non ho mai dismesso.

Commenti

Post più letti

Parla Egisto: ho scelto!

Qualche giorno fa, correggendo il mio Parla Egisto, ero in dubbio se farne un libro, oppure pubblicarlo online a puntate, come se si trattasse di un blog (leggi). Non riuscivo a scegliere quale soluzione adottare, poi ho capito che la scelta giusta era, comunque, pubblicarlo. Ecco, allora che, da oggi, Parla Egisto è sia un libro cartaceo, sia un ebook.

Parla Egisto è disponibile su Amazon.it

Lavapiubianco

Pubblicato per la prima volta nel 1998 dalle Edizioni dell’Ariete di Siracusa, Lavapiubianco è il mio primo romanzo che, nel 2009, ho ripubblicato con Lulu.com sia in forma cartacea, sia come ebook.

Il romanzo narra la storia d'amore del protagonista per Lavapiubianco, una passione travolgente che non conosce ostacoli o barriere di sorta.




ORDINA IL LIBRO
Dalla rassegna stampa
ALESSANDRO RIZZO, in «Milk», 12 gennaio 2014.
6. A chi ha voluto rivolgersi Danilo Ruocco con “Lavapiubianco”? A tutti, ma soprattutto a quanti sono chiusi in una gabbia o si nascondono agli altri e a se stessi. Liberatevi e vivete in prima persona. Senza maschere e senza nascondervi. Vivete con il vostro nome e cognome. Siate la vostra Identità (con la I maiuscola).
ENRICO PROSERPIO, in «Culturaperta», 17 novembre 2009. "Lavapiubianco è un libro la cui narrazione veloce è zeppa di sessualità senza mai essere volgare. Il sesso, assolutamente libero e mercificato nella nuova società, diventa un mezzo di presa di …

Una app Android per Danilo Ruocco

Se hai uno smartphone e/o un tablet Android e vuoi ricevere in automatico sul tuo dispositivo gli ultimi post del blog Danilo Ruocco 2.0 ti potrebbe essere utile la app che metto a disposizione gratuitamente. Si tratta di un lettore di feed che puoi liberamente configurare secondo le tue esigenze. Una volta scaricata la app, per installarla ti ricordo che, sul tuo device Android, nelle Impostazioni/Protezione devi mettere un flag accanto a “Origini sconosciute” (che puoi togliere subito dopo che l’installazione è riuscita). Al primo avvio, la app scarica gli articoli disponibili. Poi, ogni volta che viene pubblicato un post, la app lo scaricherà in automatico e un messaggio ti segnalerà l’avvenuto aggiornamento.
______
Ultimo aggiornamento app: 07.10.18