Passa ai contenuti principali

Il miracolo di una piazza


Venerdì scorso sono stato a Pisa per vedere Piazza dei Miracoli (come la definì Gabriele d’Annunzio). 
Una piazza incantevole e giustamente rinomata in tutto il mondo, anche grazie alla pendenza della celebre Torre campanaria.
Non entro nel merito della storia della piazza o dei suoi munumenti.
Ciò che mi preme raccontare sono le emozioni che ho provato.

Innanzitutto l’ammirazione: si ha la sensazione di entrare in uno spazio architettonicamente perfetto. Da qualsiasi angolo si guardi la piazza, il paesaggio è mozzafiato.

Poi, una sensazione strana: quella di stare quasi galleggiando. Che io ricordi, ho provato tale sensazione soltanto in un altro posto: a Miyajima
Nel tempio dell’isola giapponese la sensazione di fluttuare era data dal fatto che il tempio è un’enorme palafitta lignea.
Nella piazza pisana, invece, tale sensazione mi è stata trasmessa dal fatto che i munumenti sembrano spuntare direttamente dal prato, quasi come se essi fossero privi di fondamenta ed emergessero da un mare verde.

Infine, una sensazione che non so bene definire: di fissità fotografica; come se il tempo si fosse fermato nel momento stesso in cui la Torre iniziava a cadere. Una sorta di “fermo immagine” perenne.

Commenti

Post più letti

Parla Egisto: ho scelto!

Qualche giorno fa, correggendo il mio Parla Egisto, ero in dubbio se farne un libro, oppure pubblicarlo online a puntate, come se si trattasse di un blog (leggi). Non riuscivo a scegliere quale soluzione adottare, poi ho capito che la scelta giusta era, comunque, pubblicarlo. Ecco, allora che, da oggi, Parla Egisto è sia un libro cartaceo, sia un ebook.

Parla Egisto è disponibile su Amazon.it

Lavapiubianco

Pubblicato per la prima volta nel 1998 dalle Edizioni dell’Ariete di Siracusa, Lavapiubianco è il mio primo romanzo che, nel 2009, ho ripubblicato con Lulu.com sia in forma cartacea, sia come ebook.

Il romanzo narra la storia d'amore del protagonista per Lavapiubianco, una passione travolgente che non conosce ostacoli o barriere di sorta.




ORDINA IL LIBRO
Dalla rassegna stampa
ALESSANDRO RIZZO, in «Milk», 12 gennaio 2014.
6. A chi ha voluto rivolgersi Danilo Ruocco con “Lavapiubianco”? A tutti, ma soprattutto a quanti sono chiusi in una gabbia o si nascondono agli altri e a se stessi. Liberatevi e vivete in prima persona. Senza maschere e senza nascondervi. Vivete con il vostro nome e cognome. Siate la vostra Identità (con la I maiuscola).
ENRICO PROSERPIO, in «Culturaperta», 17 novembre 2009. "Lavapiubianco è un libro la cui narrazione veloce è zeppa di sessualità senza mai essere volgare. Il sesso, assolutamente libero e mercificato nella nuova società, diventa un mezzo di presa di …

Una app Android per Danilo Ruocco

Se hai uno smartphone e/o un tablet Android e vuoi ricevere in automatico sul tuo dispositivo gli ultimi post del blog Danilo Ruocco 2.0 ti potrebbe essere utile la app che metto a disposizione gratuitamente. Si tratta di un lettore di feed che puoi liberamente configurare secondo le tue esigenze. Una volta scaricata la app, per installarla ti ricordo che, sul tuo device Android, nelle Impostazioni/Protezione devi mettere un flag accanto a “Origini sconosciute” (che puoi togliere subito dopo che l’installazione è riuscita). Al primo avvio, la app scarica gli articoli disponibili. Poi, ogni volta che viene pubblicato un post, la app lo scaricherà in automatico e un messaggio ti segnalerà l’avvenuto aggiornamento.
______
Ultimo aggiornamento app: 07.10.18