Passa ai contenuti principali

Istruzione #1

Ritengo che volere che la Scuola formi principalmente dei futuri lavoratori sia un errore dalle conseguenze devastanti per il tessuto sociale.
Infatti, a mio avviso, l’istruzione scolastica dovrebbe sì formare al mondo del lavoro, ma dovrebbe, soprattutto, formare cittadini/e e uomini e donne consapevoli.
Un lavoro lo si può imparare davvero solo sul posto di lavoro, mentre un’istruzione che aiuti l’individuo a prendere coscienza di sé e del mondo che lo circonda la si può ricevere solamente a scuola. In una scuola laica e statale, per inciso.

Per formare cittadini/e e uomini e donne consapevoli, bisognerebbe tornare ad aprire le menti degli/lle studenti/esse con materie come:
  • l’Educazione Civica, che insegni a leggere le diverse forme sociali/istituzionali con le quali una nazione può decidere di organizzarsi. Che insegni il rispetto dell’altro e faccia comprendere cosa sono i diritti e i doveri dei cittadini. Cittadini italiani, europei, globali.
  • la Filosofia, la Letteratura e l’Arte, per far conoscere la storia del pensiero e di come esso si sia incarnato e sia stato veicolato tra gli uomini; sottolineando come siano la Cultura e la Bellezza a renderci Umani e non altro!
  • la Storia per imparare a interpretare il presente leggendo la cronaca attraverso il divenire dei fatti e, sopratutto, del perché quei fatti si sono determinati.
  • la Scienza per imparare a interpretare i fenomeni naturali.
Ovviamente, penso che tali materie dovrebbero costituire la base della formazione che verrebbe completata dagli insegnamenti specifici a ogni tipo di scuola. 

Ripeto, però, che la Scuola dovrebbe incaricarsi di crescere sopratutto dei/lle cittadini/e consapevoli e adulti, perché, senza tale formazione, un lavoratore rischia seriamente di essere poco più di uno schiavo (se gli va bene).

Commenti

Post più letti durante la settimana

Come già sono

Conservo le foto che mi mandi: coprono la distanza, leniscono l’assenza.
Sei l’imprevisto che in silenzio attendevo;la giovane follia chemi emoziona.
Non sarò maicome mi sogni, perché mi vuoi come già sono.

La rispettabilità genera "doppi" | AMLETO

Ci sono romanzi talmente famosi che i loro titoli entrano, addirittura, nel linguaggio comune e le cui storie sono tanto note che si può avere la sensazione di averli già letti.
Uno di tali romanzi è sicuramente Lo strano caso del dottor Jekyll e del signor Hyde di Robert Louis Stevenson che ieri ho letto e oggi recensito su AMLETO.

Gli occhiali d'oro di Bassani

La prima volta che ho letto Gli occhiali d'oro di Giorgio Bassani ero un ragazzo: avevo 18 anni ed ero stato spinto alla lettura del romanzo dall'uscita del film di Giuliano Montalto.
Ho riletto il libro e l'ho - nuovamente - trovato un capolavoro assoluto. Ne ho scritto su Parole GLBT.
Credo che prossimamente rivedrò pure il film...