Passa ai contenuti principali

Volantino batte Web

Il post sul sito Pontifex.Roma
La nota vicenda del volantino esposto da don Piero Corsi nella bacheca della chiesa e poi fatto ritirare pare per ordine del vescovo, mi induce a una costatazione molto semplice: il volantino è stato più efficace del Web! 

Le note esposte dal sacerdote (il cui eloquio, a volte, è più consono alle camerate di caserma che non alla sagrestia), infatti, sono copiate da un post a firma Bruno Volpe apparso sul sito Pontifex.Roma, per solito seguito da quanti hanno la mente annebbiata dai fumi dell’incenso e da pochi altri. 

Le posizioni da fanatico religioso di Volpe sono note in molti ambienti, specie in quelli oggetto del di lui odio. 
In tali ambienti, in più di un’occasione, ci si è chiesti se non fosse il caso di esporre denuncia contro il sito, in quanto le opinioni che vi si pubblicano, per molti, andrebbero, spesso, ben al di là del consentito. 

Da tale sito, si ripete, è stato copiato il testo del volantino di Corsi (leggi). 

Ma come mai il testo originale, quello di Volpe, è passato tutto sommato inosservato dai media tradizionali, mentre il volantino ha fatto scandalo? 

Il volantino esposto in bacheca

Il post del sito, invero, era stato segnalato nei social network e, dopo lo scandalo del volantino, è stato citato nei vari articoli apparsi sui media tradizionali, ma in se stesso pare quasi essere, ancora oggi, ininfluente, rispetto al volantino stesso. 

In altre parole, ciò che continua a suscitare clamore è il testo copiato e non il testo originale. 

Perché? 

A tale domanda non saprei dare una risposta certa. 

Forse il volantino è arrivato dritto ai suoi destinatari: le parrocchiane, le quali, giustamente, si sono scandalizzate per le tesi assurde ivi pubblicate; mentre il post sul sito è arrivato solo ai lettori abituali del sito che, si deve supporre, ne condividono i principi. 

Oppure un volantino esposto nella bacheca di una parrocchia ha un credito che non ha un post pubblicato su un sito di fanatici religiosi. 
Ovvero, quel volantino è come se fosse stato firmato dalle più alte gerarchie vaticane per il solo fatto di essere stato affisso in una chiesa e, per questo, ha scandalizzato. 

Una cosa è certa: il volantino è stato più efficace del Web, in quanto è riuscito a raggiungere il suo obiettivo, ossia indurre le donne a riflettere. 

Tale riflessione, però, diversamente da quanto auspicato da chi ha affisso il volantino, non ha portato la maggioranza delle donne (credenti comprese) ad avallare la tesi bislacca che le vorrebbero causa dei femminicidi, in quanto provocatrici, bensì a condannare quanti ancora pensano che le vittime di una violenza, “in fondo, se la sono cercata”. 

Le donne battono i fanatici religiosi 1 a O!

Commenti

Post più letti

Parla Egisto: ho scelto!

Qualche giorno fa, correggendo il mio Parla Egisto, ero in dubbio se farne un libro, oppure pubblicarlo online a puntate, come se si trattasse di un blog (leggi). Non riuscivo a scegliere quale soluzione adottare, poi ho capito che la scelta giusta era, comunque, pubblicarlo. Ecco, allora che, da oggi, Parla Egisto è sia un libro cartaceo, sia un ebook.

Parla Egisto è disponibile su Amazon.it

Lavapiubianco

Pubblicato per la prima volta nel 1998 dalle Edizioni dell’Ariete di Siracusa, Lavapiubianco è il mio primo romanzo che, nel 2009, ho ripubblicato con Lulu.com sia in forma cartacea, sia come ebook.

Il romanzo narra la storia d'amore del protagonista per Lavapiubianco, una passione travolgente che non conosce ostacoli o barriere di sorta.




ORDINA IL LIBRO
Dalla rassegna stampa
ALESSANDRO RIZZO, in «Milk», 12 gennaio 2014.
6. A chi ha voluto rivolgersi Danilo Ruocco con “Lavapiubianco”? A tutti, ma soprattutto a quanti sono chiusi in una gabbia o si nascondono agli altri e a se stessi. Liberatevi e vivete in prima persona. Senza maschere e senza nascondervi. Vivete con il vostro nome e cognome. Siate la vostra Identità (con la I maiuscola).
ENRICO PROSERPIO, in «Culturaperta», 17 novembre 2009. "Lavapiubianco è un libro la cui narrazione veloce è zeppa di sessualità senza mai essere volgare. Il sesso, assolutamente libero e mercificato nella nuova società, diventa un mezzo di presa di …

Una app Android per Danilo Ruocco

Se hai uno smartphone e/o un tablet Android e vuoi ricevere in automatico sul tuo dispositivo gli ultimi post dei blog Danilo Ruocco 2.0 e Spazio Ruocco ti potrebbe essere utile la app che metto a disposizione gratuitamente. Si tratta di un lettore di feed che puoi liberamente configurare secondo le tue esigenze. Una volta scaricata la app, per installarla ti ricordo che, sul tuo device Android, nelle Impostazioni/Protezione devi mettere un flag accanto a “Origini sconosciute” (che puoi togliere subito dopo che l’installazione è riuscita). Al primo avvio, la app scarica gli articoli disponibili. Poi, ogni volta che viene pubblicato un post in uno dei due blog, la app lo scaricherà in automatico e un messaggio ti segnalerà l’avvenuto aggiornamento.
______
Ultimo aggiornamento app: 07.10.18